A- A+
Costume
È morto Antonio D'Amico, lo stilista ed ex compagno di Gianni Versace

È morto Antonio D'Amico, lo stilista ed ex compagno di Gianni Versace

Nella notte tra martedì 5 e mercoledì 6 dicembre è morto Antonio D'Amico, il designer, ex modello e compagno dello stilista Gianni Versace fino alla sua tragica scomparsa; aveva 63 anni e da mesi combatteva contro una malattia che si è rivelata fatale.


Un anno fa Antonio D'Amico aveva inaugurato la sua nuova linea di abiti sartoriali Principe di Ragada, a dare la notizia della sua scomaprsa è stato il suo manager e amico Rody Mirri. Dal 1982 fino al giorno della sua morte nel 1997, Antonio D'Amico è stato il compagno dello stilista Gianni Versace e si occupava della linea sportiva della maison. Nel testamento Versace aveva lasciato a D'Amico un vitalizio e l'uso delle sue dimore, ma egli preferì  ricevere la sua liquidazione in un'unica soluzione e l'adoperò per lanciare la propria carriera di stilista.

La casa di abbigliamento Antonio D'Amico, con sede e showroom a Milano, nonostante l'ottimo avvio, cessò l'attività dopo tre anni a causa di difficoltà gestionali-manageriali, ma D'Amico proseguì nella sua attività sotto altre forme fino alla fine.

Antonio D'Amico, la storia con Gianni Versace e l'eredità

Riservato e non in buoni rapprorti con i fratelli Versace, Antonio D'Amico negli anni successivi alla tragica morte di Versace ha rilasciato poche dichiarazioni e solo due interviste, di cui l'ultima a dicembre dell'anno scorso, ospite in tv di Serena Bortone, quando si è concesso alle telecamere, raccontando la sua storia. Su un punto, nonostante i cattivi rapporti, era in completo accordo con la famiglia Versace: il rifiuto totale della serie tv che raccontò la morte di Gianni.

Dell'incontro con Gianni Versace, Antonio D'Amico aveva raccontatao: "Quando siamo stati presentati a cena ci siamo lasciati così, poi dopo qualche mese (perchè io ero fuori per lavoro) in cui lui mi scriveva sempre, io mi sono fatto sentire e lui mi ha chiesto il perché non gli avevo mai risposto. Ma io neanche avevo avuto modo di leggere i messaggi". I due furono una delle prime coppie omosessuali a fare coming out e a vivere il loro amore pubblicamente per ben 15 anni.


È stato Antonio D'Amico, il 15 luglio del 1997, a ritrovare Gianni Versace: "Fu il giorno che ha tagliato in due la mia vita e la parte che è rimasta si è sotterrata. Quella parte ci ha messo molto a riprendersi, sono ferite che non si rimarginano completamente. Quella scena in cui io l'ho ritrovato nella mia testa non si è mai cancellata. La rivedo ancora oggi, quella mattina voleva per forza andarsi a comprare i giornali, io mi sono alzato sono andato a giocare a tennis e l'ho saputo dopo che era uscito. Nessuno poteva immaginare questo."

Solo alcuni anni dopo Antonio ritrovò l'amore, come lui stesso raccontò: "Ho un compagno da 16 anni. Sono per le storie lunghe. Una volta che scegli di stare con una persona per me è per sempre. Lui sarebbe contento di vedermi così sereno".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
antonio d'amicogianni versacemortostilista





in evidenza
Harry Potter, la scrittrice contro gli attori: "Fanno il tifo per i minori trans"

Culture

Harry Potter, la scrittrice contro gli attori: "Fanno il tifo per i minori trans"


in vetrina
Crozza/Sala: "Se mi metto una cassetta delle offerte al collo raccogliamo un po’ di soldini..."

Crozza/Sala: "Se mi metto una cassetta delle offerte al collo raccogliamo un po’ di soldini..."

motori
La Formula 1 conferma due appuntamenti cruciali nel calendario 2025 con i Gran Premi di Imola e Monza

La Formula 1 conferma due appuntamenti cruciali nel calendario 2025 con i Gran Premi di Imola e Monza

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.