A- A+
Costume
Forbici, matite e Mac: qui nascono gli stilisti del futuro

Le aule dell’Istituto Marangoni sono una sartoria 2.0. Ci sono le macchine da cucire, i bozzetti cartacei, gli scampoli di stoffa accanto ai Mac, agli smartphone e alle macchine fotografiche digitali. Gli studenti imparano così a essere stilisti degli Anni Duemila. Ragazzi da tutto il mondo, tra cui moltissimi cinesi, sono alle prese coi loro modelli. Oggi come ieri la capacità di disegnare a mano è ancora uno dei requisiti essenziali. Qualcuno sta anche pensando alla sua prima collezione. Perché ogni anno, al termine del corso di studi, venti progetti creativi vengono selezionati per sfilare in passerella nel famoso Fashion Show dell'Istituto.

Affaritaliani.it ha visitato la School of Fashion di Milano, sede storica, nonché principale, del Gruppo Marangoni. E' in via Verri, nel cuore del Quadrilatero della moda. Qui ogni anno studiano oltre 1.800 ragazzi, tra long course e short course, su un totale di oltre 4.000 studenti l’anno per l'intero Gruppo. Le altre quattro sedi sono situate tutte nelle capitali internazionali della moda, del design e del lusso: a Milano c’è anche la School of Design, che conta 300 studenti, poi ci sono la scuola di Parigi (400), Londra (800) e Shanghai (350). Presto l'apertura di due nuove sedi: Firenze e e Shenzen, in Cina (L'INTERVISTA A ROBERTO RICCIO, GROUP MANAGING DIRECTOR). 

barbara toscano
 

“La composizione dei nostri studenti è fortemente internazionale: il 65% di loro proviene da oltre 100 nazioni - spiega ad Affari la direttrice della School of Fashion di Milano, Barbara Toscano -. Ma l’identità italiana resta il cuore della scuola, dai contenuti dei programmi didattici allo sviluppo della creatività. Made in Italy è artigianalità, saper fare, ma anche avere attenzione per la qualità delle materie prime, l’esclusività, il dettaglio”.

“Italianness”. Italianità. Così viene definito l’inconfondibile imprinting che ha reso il nostro paese famoso nel mondo. Non a caso l’Istituto si trova nel crocevia delle strade di moda più importanti: via Montenapoleone, via Sant’Andrea, via della Spiga. Gli studenti possono “respirare” il lusso in ogni momento: ogni passeggiata diventa un’occasione buona per studiarlo, osservare come si rappresenta, capire come si vende.

L’attenzione al mercato è diventata sempre più importante col passare dei decenni. "Oggi la moda è fatta da tante diverse competenze, che non si limitano più soltanto a gestire la sfera creativa - prosegue Toscano -: anche al designer è richiesto di avere una visione globale del processo di creazione di valore attorno alla collezione". Così i cento insegnanti dell'Istituto, che sono tutti professionisti dell’area fashion, design e arte, portano in classe una formazione rigorosa, basata sul modus operandi proprio del contesto aziendale. "Bisogna avere competenze di management, capacità critica di analisi dei mercati globali, conoscenza del sistema produttivo, competenze di marketing e capacità di gestire la comunicazione con vecchi e nuovi strumenti. E’ inoltre fondamentale avere capacità di lavorare in gruppo e doti di leadership: puntiamo molto sulle soft skill, facendo anche intervenire un coach, per permettere a questi ragazzi di entrare nel mondo del lavoro come dei veri professionisti, con competenza e determinazione". 

Un esempio da seguire, secondo Barabra Toscano, è Giorgio Armani: "Lo stimo molto. Dimostra che si può continuare ad essere innovativi, con un’estrema attenzione alla qualità, e contemporaneamente dialogare con le richieste dei mercati globali”. Mercati che sono in continua evoluzione: "Se da un lato i brand si ribellano all’incessante richiesta di stimoli creativi e riducono il numero annuale di sfilate, dal lato totalmente contrapposto il fast fashion invece impone al lusso una continua innovazione e piccole capsule collection in maniera continuativa tutto l’anno".

Una volta fatto entrati nel mondo del lavoro, allora, emergeranno gli studenti che sapranno meglio interpretare le dinamiche e i gusti del mercato. Qualcuno sarà assunto nei team creativi delle griffe, qualcun altro aprirà un proprio brand. E qualcuno entrerà magari nella storia della moda, come è già successo per Domenico Dolce (Dolce & Gabbana) e Franco Moschino, entrambi con formazione Marangoni. Ma l'elenco degli ex studenti famosi o in ascesa non finisce qui: hanno frequentato la scuola di via Verri anche Alessandro Sartori, nuovo direttore artistico di Zegna, Alessandra Facchinetti, direttore creativo di Tod's, Rudy Paglialunga, stilista di Jil Sander, Paula Cademartori, creatrice di borse e scarpe che portano il suo nome, indossate dalle celebrities di tutto il mondo, e Bianca Gervasio, giovane creative director della maison Fragiacomo, scelta da Noemi per i suoi look al Festival di Sanrem 2016. 

 

Sono tre gli indirizzi che Istituto Marangoni di Milano propone ai suoi studenti: design, ovvero il core business, pensato per chi vuole diventare stilista, business, più centrato sull’aspetto manageriale, e styling, per hi vuole specializzarsi in fotografia e rappresentazione della moda.

PER CHI INIZIA - Istituto Marangoni punta molto sul colloquio di orientamento per aiutare lo studente a capire quale è il percorso accademico giusto per lui. I colloqui vengono effettuati via skype o negli uffici a scuola. Agli studenti dei corsi triennali non è richiesto di avere delle conoscenze pregresse prima di iscriversi, poiché il programma è strutturato in modo da dare tutti i contenuti, partendo dalla base. "Di conseguenza, per essere ammessi, richiediamo una forte motivazione per affrontare gli anni accademici ed un grande entusiasmo. E’ nostro compito e nostra eccellenza formare gli studenti per prepararli in tre anni”, spiega Barbara Toscano. "Per i corsi master, invece, richiediamo di inviare il CV, percorso di studi e portfolio (nel caso di master creativi) . Le candidature vengono sottoposte alla Direzione didattica della Scuola che valuta l’idoneità sulla base del materiale ricevuto".

PER CHI FINISCE - "Un forte contributo all’inserimento nel mondo lavorativo è dato dal Career Service”, prosegue Toscano: un servizio completamente dedicato all’orientamento degli studenti, dalla preparazione del curriculum alla formazione per affrontare i tanto temuti colloqui di orientamento, fino al contatto con le aziende che sono interessate ad offrire posizioni di tirocinio. Inoltre, il Career Day è un esempio di evento speciale organizzato per i ragazzi: una giornata di selezione con un gruppo di aziende partner, che avviene all’interno degli spazi della scuola. "E’ un progetto vincente, in cui gli studenti possono mostrare il proprio talento, beneficiando di un filo diretto con i selezionatori, e le aziende selezionano in anteprima i migliori talenti”, conclude Barbara Toscano.

Istituto Marangoni Open Day: 4 giorni di formazione e seminari aperti a tutti

Tags:
istitutomarangonistudentimodastilisti
in evidenza
Arriva l'aria polare dalla Svezia Fine maggio brividi. Previsioni

Meteo

Arriva l'aria polare dalla Svezia
Fine maggio brividi. Previsioni

i più visti
in vetrina
Scatti d'Affari SEA, Air Canada lancia il collegamento non-stop tra Milano Malpensa e Montreal

Scatti d'Affari
SEA, Air Canada lancia il collegamento non-stop tra Milano Malpensa e Montreal


casa, immobiliare
motori
DS Automobiles svela le sue Edizioni Limitate

DS Automobiles svela le sue Edizioni Limitate


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.