A- A+
Costume
Natale, picco di litigi per l'affido. Sei coppie su 10 non trovano l'accordo

Le vacanze di Natale non sempre sono sinonimo di serenità, e la conflittualità, specie in periodi in cui le coppie trascorrono più tempo insieme, sempre più spesso cresce proporzionalmente. Se è vero, come evidenziato dall’Istat nel suo ultimo report sul matrimonio, nel 2014 le separazioni in Italia sono state 89.303 e i divorzi 52.335, più o meno la stessa cifra degli ultimi quattro anni, è anche evidente quanto sia impietoso il confronto con il passato: rispetto a quanto accadeva venti anni fa infatti, le separazioni sono aumentate del 70,7 per cento. Ma i dati evidenziano pure come, proprio durante le festività, l’acredine fra le coppie aumenti, con la diretta conseguenza, una volta passata l’Epifania, di rivolgersi all’avvocato per mettere fine alla propria unione.

«Nella sola città di Milano, fra il 7 e il 30 gennaio si registra un incremento del 35% delle richieste di separazione, eguale solo al mese di settembre, in cui si verifica un fenomeno analogo», commenta così l’avvocato Lorenzo Puglisi, offrendo una panoramica sui dati raccolti ogni anno dall’associazione FamilyLegal, fondata nel 2012 con l’obiettivo di fornire un quadro aggiornato e attendibile in materia di separazioni e divorzi.

Ma le vacanze di Natale evidenziano anche un altro, spiacevole, picco di liti, che riguarda invece le coppie già separate e che ha per oggetto le vacanze dei figli, spesso contesi fra un genitore e l’altro, nelle due settimane clou che vanno dal 23 dicembre al 6 gennaio.

«Circa 30.000 figli ogni anno sono oggetto di contesa nelle festività, tanto da far aumentare del 25% le denunce nei confronti dell’ex coniuge per il mancato rispetto degli accordi di separazione o divorzio, senza contare le telefonate (spesso infondate) a polizia e carabinieri e alle richieste di intervento che vengono rivolte al legali, magari proprio il giorno di Natale o alla vigilia di San Silvestro - aggiunge l’avvocato Lorenzo Puglisi, che puntualizza - Secondo i dati raccolti dal nostro osservatorio, si stima che il 35% delle richieste annuali di modifica dei provvedimenti di separazione già in essere si registri a cavallo tra dicembre e gennaio proprio per motivi legati alla gestione dei figli e nel 60% dei casi le coppie non riescono ad accordarsi sino all’ultimo, violando l’onere di definire il piano delle vacanze entro il mese di ottobre che generalmente viene indicato come termine limite».

Un’indicazione importante per la regolamentazione delle vacanze nel periodo natalizio per i figli di genitori separati arriva dal Tribunale di Milano. Dal 2006, la legge che regolamenta l’affido condiviso prevede espressamente il diritto dei figli minorenni di condividere i periodi di festa con entrambi i genitori nell’ottica di rendere il meno dolorosa possibile la disgregazione familiare. Ciò nonostante, la legge, seppur ben strutturata, non è in grado di placare il vertiginoso aumento delle liti che si registra a partire alla seconda settimana di dicembre e si protrae fino all’epifania. Pe questo motivo la sezione nona del predetto Tribunale ha ritenuto di non regolamentare più il giorno della Vigilia, del Natale e di Santo Stefano (che prima erano oggetto di alternanza tra i genitori), concedendo di massima due settimane - dal 23 al 30 dicembre e dal 31 dicembre al 7 gennaio - disponendo che il genitore che abbia diritto alla prima settimana trascorra tutti e tre i giorni di festa con i figli potendo di conseguenza escludere l’altro genitore anche nel giorno di Natale.

Cosa succede, invece, se il genitore a cui vengono affidati i figli per le festività non voglia sapere di occuparsene? «Chi non rispetta i patti, rifiutandosi di accudire i figli nel periodo di vacanza, eludendo di fatto quanto stabilito dal giudice, non solo commette un illecito civile, ma anche un reato, come ha precisato più volte anche la Corte di Cassazione, che – se perseguito – può portare ad un processo penale a carico di un genitore, magari anche a distanza di uno o due anni dal deposito della denuncia», conclude Puglisi.

Tags:
natale litigi affidonatale divorzi
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

i più visti
in vetrina
Pnrr e opportunità per le Pmi CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

Pnrr e opportunità per le Pmi
CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri


casa, immobiliare
motori
Peugeot presenta la 208 nell’allestimento Like

Peugeot presenta la 208 nell’allestimento Like


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.