A- A+
Cronache
Capitali illeciti: assolto Cosentino. Finisce incubo per ex coordinatore di FI

Napoli, si è coclusa con l'assoluzione di Nicola Cosentino il processo "Il Principe e la scheda ballerina"

La Corte di Cassazione ha rigettato il ricorso della Procura generale di Napoli, confermando l'assoluzione per l'ex sottosegretario all'Economia, Nicola Cosentino, nel processo che va sotto il nome di "Il Principe e la scheda ballerina". Come riporta l'Ansa l'ex coordinatore campano di Forza Italia era accusato del reato di tentato impiego di capitali illeciti con l'aggravante mafiosa, in relazione alla costruzione a Casal di Principe (Caserta) di un centro commerciale voluto dal clan dei Casalesi, ma mai edificato.

Nicola Cosentino (difeso da Agostino De Caro, Stefano Montone ed Elena Lepre) era stato assolto dalla Corte di Appello di Napoli il 29 settembre 2020 per "non aver commesso il fatto"; la sentenza di secondo grado aveva ribaltato il verdetto dei giudici del tribunale di Santa Maria Capua Vetere, che avevano condannato Cosentino in primo grado a cinque anni e mezzo di carcere. Si chiude così definitivamente per l'ex politico di Forza Italia uno dei numerosi procedimenti giudiziari in cui è rimasto coinvolto.

LEGGI ANCHE: Giustizia, dopo l’assoluzione nessuna scusa a Cosentino. Neanche da Saviano

La ricostruzione dei fatti del processo "Il Principe e la scheda ballerina"

L'indagine della Direzione distrettuale antimafia di Napoli "Il Principe e la scheda ballerina" da cui è nato il processo a carico di Cosentino, portò nel dicembre 2011 all'arresto di quasi 50 persone, non solo per la realizzazione del centro commerciale il Principe, ma anche per voto di scambio in relazione alle elezioni comunali di Casal di Principe del 2007 e del 2010. In cella finirono alcuni politici, tra cui l'ex sindaco di Casal di Principe Cipriano Cristiano, già condannato insieme ad un'altra quarantina di imputati.

LEGGI ANCHE: Camorra, assolto in appello Cosentino."9 anni di inferno, finalmente è finita"

Nicola Cosentino e circa venti altri imputati avevano scelto la via del processo ordinario. Il principale fatto contestato a Cosentino riguardava un incontro che l'ex sottosegretario ebbe a Roma presso la filiale dell'Unicredit, il 7 febbraio 2007, che secondo l'accusa doveva servire per fare pressioni sul funzionario Cristoforo Zara per concedere il finanziamento da 5 milioni di euro per realizzare il centro commerciale. I legali di Cosentino avevano sempre smentito la circostanza che l'incontro fosse servito allo scopo indicato dalla Dda, in quanto il prestito era già stato deliberato il 31 luglio del 2006, e due giorni prima del famoso incontro l'Ufficio Legale dell'Istituto di Credito diede parere positivo all'erogazione; la quale, peraltro, fu poi bloccata. 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
napolinicola cosentinonicola cosentino assolto
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Caso gioielli, Scotti punge Fagnani: “Belva addomesticata? Devi fare i nomi”

La conduttrice vs Striscia la Notizia

Caso gioielli, Scotti punge Fagnani: “Belva addomesticata? Devi fare i nomi”


in vetrina
Affari in Rete

Affari in Rete





motori
Lamborghini Urus SE: l'icona dei super SUV diventa ibrida

Lamborghini Urus SE: l'icona dei super SUV diventa ibrida

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.