A- A+
Cronache
Ponte, il manager dei Benetton: "Sapevo del rischio crollo ma non feci nulla"

Crollo Ponte Morandi, l'ex Ad della holding dei Benetton Mion: "Nel 2010 seppi che il ponte era a rischio crollo"

"Emerse che il ponte aveva un difetto originario di progettazione e che era a rischio crollo. Chiesi se ci fosse qualcuno che certificasse la sicurezza e Riccardo Mollo mi rispose 'ce la autocertifichiamo'. Non dissi nulla e mi preoccupai. Era semplice: o si chiudeva o te lo certificava un esterno. Non ho fatto nulla, ed è il mio grande rammarico". Lo ha detto Gianni Mion ex Ad della holding dei Benetton Edizione, ex consigliere di amministrazione di Aspi e della sua ex controllante, Atlantia, al processo per il crollo del Ponte Morandi. Mion lo ha detto riferendosi ad una riunione del 2010, ovvero otto anni prima del crollo.

Alla riunione parteciparono l'Ad di Aspi Giovanni Castellucci, il direttore generale Riccardo Mollo, Gilberto Benetton, il collegio sindacale di Atlantia e, secondo il ricordo del manager, tecnici e dirigenti di Spea. Dopo queste frasi, l'avvocato Giorgio Perroni, che difende l' ex direttore del Primo tronco di Autostrade, Riccardo Rigacci, ha chiesto di sospendere l'esame di Gianni Mion e di indagarlo. Rigacci è indagato insieme ad altre 58 persone. L'esame di Mion è andato avanti e i giudici hanno detto che si riservano sulla richiesta avanzata da Perroni. 

Attualmente, Mion, siede nel Cda di Prelios, uno dei principali gruppi attivi in Italia ed Europa nell’alternative asset management e nei servizi immobiliari specialistici, con oltre 40 miliardi di euro di assets under management.

Crollo Ponte Morandi, l'ad di Autostrade Tomasi: "Divergenze macroscopiche nei coefficienti di rischio"

Nel processo sulla tragedia del Ponte Morandi, il cui crollo si consumò il 14 agosto 2018, è stato sentito anche Roberto Tomasi, attuale amministratore delegato di Aspi (nel frattempo tornata sotto il controllo pubblico con l'ingresso di Cassa Depositi e Prestiti e Macquarie), succeduto a Giovanni Castellucci. Tomasi non è imputato o indagato in procedimenti collegati ed è stato ascoltato come testimone, senza l’affiancamento d’un legale. Su cosa? In primis sui tagli alle manutenzioni da parte di Autostrade per l’Italia, ma anche dello Stato, ritenuti dalla Procura una delle cause primarie della strage.

Il Pm ha domandato: "Cambiaste il soggetto delegato alla sorveglianza?". "Spea Engineering fu affiancata dalle esterne Speri e Progear ... e ci rendevamo conto che c'era divergenza tra i punteggi in precedenza attribuiti da Spea e quelli delle società terze, abbiamo rilevato per anni un incremento dei coefficienti di rischio. Emergeva uno stato peggiore della rete, sostanzialmente peggiore, anche un più 200% nell'aumento dei punteggi sui rischi... e più deficitario era il quadro conoscitivo sulle gallerie". Il Pm ha poi incalzato: "All'esito di questi nuovi controlli sulle opere d'arte, emersero valutazioni 70 (il massimo di rischio, ndr) a seguito delle quali si profilava come soluzione per evitare pericoli la chiusura dell'infrastruttura? "Sì", ha ripetuto.

LEGGI ANCHE: Calabria, la procura apre un'inchiesta sul viadotto crollato

Iscriviti alla newsletter
Tags:
crollogenovamorandiponteprocessorischio
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Il Roma Pride compie 30 anni: Annalisa madrina e Elly Schlein al corteo. FOTO e VIDEO

Cronache

Il Roma Pride compie 30 anni: Annalisa madrina e Elly Schlein al corteo. FOTO e VIDEO


in vetrina
PIcchi fino a 40 gradi (ecco dove). Ma poi nubifragi e grandinate

PIcchi fino a 40 gradi (ecco dove). Ma poi nubifragi e grandinate





motori
Alpine sfida e delusione a Le Mans: ritiro doppio per guasti

Alpine sfida e delusione a Le Mans: ritiro doppio per guasti

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.