A- A+
Cronache
Csm, Palamara: "La riforma Bonafede non serve. Paese dominato dall'illegalità"

Csm, Palamara: "La riforma Bonafede non serve. Paese dominato dall'illegalità"

Il caso Palamara continua a tenere banco. Dopo l'espulsione dell'ex boss di Unicost a processo a Perugia, cacciato dall'Anm, adesso anche una ventina di magistrati coinvolti nelle intercettazioni con Luca Palamara rischiano provvedimenti disciplinari per la vicenda delle nomine pilotate all'interno dell'Anm. Lo stesso Palamara, in un'intervista al Riformista spiega la reale situazione della giustizia in Italia e il quadro che ne esce è allarmante.

"Viviamo in un Paese dominato dalla illegalità e dalla discrezionalità. Forse è bene dire: dall’arbitrio. Non c’è nessuna relazione salda tra diritto e giustizia. Ciascuno di noi sa che se nella sua vita a un certo punto incontra la macchina della giustizia, il suo destino non dipenderà da fattori oggettivi ma dall’atteggiamento, o dagli interessi, del Pm che gli sarà capitato (o dal quale sarà stato scelto). "Tutte queste cose - spiega Palamara - si sapevano e venivano considerate ordinaria amministrazione. I politici e i giornalisti sapevano tutto, ma tacevano, per convenienza, per infingardia, per pigrizia o per codardia. Serve una riforma fatta con l’accetta. Non certo la riforma Bonafede. Innanzitutto la separazione delle carriere e un meccanismo che ponga sotto controllo lo strapotere dei Pm, che oggi sono Ras incontrastati".

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    csmluca palamaracaso palamaramagistratiintercettazionipmprocesso perugiariforma giustiziaalfonso bonafede
    in evidenza
    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

    Corporate - Il giornale delle imprese

    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

    i più visti
    in vetrina
    Luce e Gas, passaggio al Mercato Libero. Abbassalebollette fa chiarezza

    Luce e Gas, passaggio al Mercato Libero. Abbassalebollette fa chiarezza





    casa, immobiliare
    motori
    Mercedes, approvato piano al 2026 con investimenti da 60 MLD

    Mercedes, approvato piano al 2026 con investimenti da 60 MLD


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.