A- A+
Cronache
Donzelli ha il merito di aver reso pubblica la finalità del digiuno di Cospito

Al di là delle stucchevoli schermaglie politiche mosse da sicuramente involontarie ma reali coincidenze, l’intervento dell’on. Giovanni Donzelli alla Camera dei Deputati assume indubbiamente un peso importante nella vicenda del cittadino-detenuto Alfredo Cospito.

Se è vero come par essere vero, visto che tra le molte prese di posizione nessuno ha ritenuto di smentire il testo delle intercettazioni letto in aula dal Vicepresidente del Copasir Donzelli, il “caso Cospito” assume tutta un’altra valenza politica ma anche giudiziaria.

Infatti, se l’obiettivo dello sciopero della fame messo in atto da settimana dall’anarchico non è più quello di far riflettere sulla propria vicenda personale e sulle eventuali inadeguate misure messe in atto a seguito di una sentenza passata in giudicato, ma bensì è diventato quello di una lotta senza quartiere al regime carcerario del 41-bis, il cosiddetto “carcere duro” ideato per mafiosi e terroristi, la vicenda assume decisamente un’altra portata etico-culturale ancora prima che politica.

Portata che -dopo le parole del cittadino-detenuto Cospito rese pubbliche nell’aula del Parlamento dall’on. Donzelli- non potrà più essere sottovalutata né disconosciuta da nessuno; né da coloro a cui è demandato il compito di riesaminare il cosiddetto “caso Cospito” e confermare o alleggerire il regime carcerario dell’anarchico, né, tantomeno, da tutti coloro: politici, scrittori ed intellettuali (più o meno autentici) che, in queste settimane, hanno solidarizzato con la protesta sacrosanta del cittadino-detenuto Cospito.

Adesso le ambiguità stanno a zero!

O si è per la legalità, certamente giusta e proporzionata ai reati commessi ed acclarati (come nel caso di specie), o si è, anche inconsapevolmente ma inevitabilmente, per la criminalità.

Tertium non datur, per nessuno!

Neppure per le “anime belle” con la Costituzione sempre in mano (quelle che credono -certamente in buona fede- nel ravvedimento sincero e reale di chi ha ucciso decine e decine di persone senza colpo ferire) che ora, loro malgrado, saranno costrette a fare i conti con la realtà; con la chiarezza delle parole e degli intendimenti liberamente comunicati da Cospito ai suoi compagni di detenzione facendosi paladino della volontà storica della mafia: abolire, per sempre, il 41-bis e continuare a comandare anche da dentro le carceri (perché questo è il non detto ma il vero obiettivo della lotta per l'abolizione del carcere duro).

Iscriviti alla newsletter
Tags:
cospitodonzelli
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Il "Gioco dell'oca" diventa leghista C'è la casella Stop utero in affitto

Europee/ L'idea di Lancini

Il "Gioco dell'oca" diventa leghista
C'è la casella Stop utero in affitto


in vetrina
Meteo, in arrivo un intenso peggioramento. Pioggia e freddo: ecco dove

Meteo, in arrivo un intenso peggioramento. Pioggia e freddo: ecco dove





motori
Mercedes-Benz Vans e ONOMOTION lanciano la e-cargo per l’ultimo miglio

Mercedes-Benz Vans e ONOMOTION lanciano la e-cargo per l’ultimo miglio

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.