A- A+
Cronache
Emergenza smog, Legambiente: maglia nera per Torino, Milano e Padova

Emergenza smog in Italia, Legambiente: allarme per le città di Torino, Milano, Padova

L’emergenza smog è sempre più cronica, e la situazione rischia di peggiorare con l’avvio della stagione più fredda dell’anno, tra livelli degli inquinanti off-limits, traffico congestionato e misure antismog insufficienti la situazione. È quanto emerge dal dossier “Mal’aria 2022 edizione autunnale” di Legambiente, che fa il punto da inizio anno ai primi di ottobre 2022.

Nessuna città rispetta i valori dell'Oms sullo smog

Il campanello d’allarme per inquinamento atmosferico e – pessima – qualità dell’aria è già suonato per tutte le 13 città monitorate nell’ambito della campagna Clean Cities: nessuna, infatti, rispetta i valori suggeriti dall’Organizzazione mondiale della sanità per il Pm10 (15 microgrammi/metro cubo), per il Pm2.5 (5 microgrammi/metro cubo) e l’NO2 (10 microgrammi/metro cubo).

Il Pm10 ha una media annuale, eccedente il valore Oms, che oscilla dal +36% di Perugia fino ad arrivare al +121% di Torino e +122% di Milano. Situazione ancora più critica per quanto riguarda il Pm2.5, dove lo scostamento dai valori Oms oscilla tra il +123% di Roma al +300% di Milano. Male anche per l’NO2: l’eccedenza dei valori medi registrati rispetto al limite dell’Oms varia tra il +97% di Parma fino al +257% di Milano.

Per quanto riguarda il Pm10, poi, la soglia di 35 giorni da non superare con una media giornaliera superiore ai 50 microgrammi/metro cubo, è stata ampiamente superata con almeno una delle centraline, in 3 delle 13 città analizzate. Maglia nera per Torino, Milano e Padova che si trovano fuori dai limiti di legge, rispettivamente con 69, 54 e 47 giornate di sforamento. Maglia grigia invece per Parma (25), Bergamo (23), Roma (23) e Bologna (17) che hanno già consumato la metà dei giorni di sforamento. A seguire, Palermo e Prato (15), Catania e Perugia (11) e Firenze (10) che sono già in doppia cifra.

Allarme per l’impatto sulla salute dello smog

A preoccupare soprattutto l’impatto sulla salute, visto che l’inquinamento atmosferico miete più vittime in Italia che nel resto del continente europeo. Secondo le ultime stime dell’Agenzia europea ambiente, il 17% dei morti per inquinamento in Europa è infatti italiano (uno su 6).

“Il preoccupante immobilismo della politica italiana davanti alle emissioni di biossido di azoto ci è costata già una condanna da parte della corte di Giustizia europea. Nessun governo è stato in grado di mettere in atto misure credibili per sanare un problema gravissimo, che ha causato più vittime della pandemia nell’anno 2020 e 2021", ricorda Giorgio Zampetti, direttore generale di Legambiente.

Gli strumenti di Legambiente per ridurre lo smog

Per ridurre le emissioni inquinanti o climalteranti, Legambiente propone i seguenti strumenti: la riduzione dei limiti velocità in autostrada da 130 a 100 km/h, che consentirebbe di tagliare le emissioni di CO2 del 20% e del NO2 del 40%; potenziare la mobilità pubblica; trasporto pubblico, condiviso ed elettrico; potenziamento della sharing mobility nelle aree metropolitane e città con oltre 30.000 abitanti e servizi a chiamata per i comuni più piccoli; nuove tecnologie digitali; implementazione delle Ztl, Lez (Low emission zone) e Zez (Zero emission zone).

È stato un errore allentare le misure antinquinamento negli anni della pandemia – dichiara Andrea Poggio, responsabile Mobilità di Legambiente – La ripartenza si preannuncia peggiore”. La vera sfida per le città italiane “sarà l’incremento dell’offerta di servizi di trasporto pubblico e di mobilità condivisa elettrica per tutti. In Italia abbiamo più auto che patenti, con un quarto delle metropolitane, dei tram e dei bus elettrici d’Europa".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
allarmecittàemergenzalegambientesmog
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Chiara Ferragni, Fedez già dimenticato? La nuova fiamma un ex di Michelle Hunziker

MediaTech

Chiara Ferragni, Fedez già dimenticato? La nuova fiamma un ex di Michelle Hunziker


in vetrina
Annalisa vince il Controfestival 2024. Angelina Mango ko fuori dal podio

Annalisa vince il Controfestival 2024. Angelina Mango ko fuori dal podio





motori
Nuova Jeep Avenger, l’elettrico che non ti aspetti

Nuova Jeep Avenger, l’elettrico che non ti aspetti

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.