A- A+
Cronache
Festa abusiva all'Isola delle femmine: blitz della Guardia di Finanza. VIDEO
Party sull'Isola delle Femmine

Festa abusiva nella riserva naturale dell'Isola delle Femmine: il blitz della Guardia di Finanza e della Guardia costiera

Sono stati identificati dalla Guardia di Finanza i circa 200 partecipanti alla festa non autorizzata sull'isolotto di Isola delle Femmine, a pochi chilometri da Palermo, riserva naturale orientata. In circa 80 si erano spostati da un club sulla costa all'isolotto. Musica e balli che non sarebbe stato possibile consentire, spiegano dalla Lega italiana protezione uccelli che ha in gestione quei luoghi, sono stati interrotti dalla guardia costiera e dalla guardia di finanza. I militari sono arrivati con le motovedette e poi anche gli equipaggi di una dozzina di pattuglie tra carabinieri, finanzieri e poliziotti. Con le barche gli invitati, professionisti e imprenditori, hanno raggiunto i 15 ettari di roccia dove spicca una torre parzialmente distrutta.

GUARDA IL VIDEO DELLA FESTA ABUSIVA

 

 

Ad organizzare il party sono stati due fratelli gemelli medici che festeggiano di solito i loro compleanni sempre con grandi eventi molto partecipati. Lo scorso anno i due hanno brindato alla Fiumara d'arte, in provincia di Messina, altre volte in ville affittate. Pare che sia stata fatta una comunicazione sull'evento, ma la direzione della riserva sostiene di non aveva avuto alcun avvertimento. "Dal 1998 a ieri a nessuno era venuto in testa di prendere d'assalto l'isolotto. Un fatto davvero molto grave. Anche perché in questo periodo ci sono specie che nidificano nell'isola e dal primo marzo al 30 giugno le visite sono sospese come si trova scritto sull'isola dove c'è in più punti affisso il regolamento", dice Vincenzo Di Dio, direttore della riserva gestita dalla Lipu.

Party sull'Isola delle Femmine

"Ho fatto un sopralluogo sull'isola. Un ero scempio - aggiunge Di Dio - Tante cicche di sigarette, bottigliette di vetro, di plastica e tanti bicchieri. Hanno accatastato della legna e volevano fare un falò. Un vero disastro. La riserva è fruibile, ma attraverso i percorsi e i sentieri. In tanti arrivano sull'isolotto e lasciano questa zona di riserva meglio di come la trovano non certo in questo modo". Gli investigatori stanno verificando in che parte della riserva siano sbarcati gli invitati alla festa. Se nella zona di tutela assoluta o in quella dove vengono organizzate le visite. L'isolotto visibile dall'autostrada per l'aeroporto Falcone Borsellino, ha da sempre accesso la curiosità della gente sulla sua storia. Il suo nome sembra derivare da "Insula Fimi", isola di Eufemio, dal nome del governatore bizantino della Sicilia. Lì è stata istituita la riserva, nel 1997 dalla Regione Siciliana ed è gestita dalla Lipu dal 1998. "L'isola è un punto strategico durante le migrazioni: su di essa si fermano infatti, per riprendere le forze prima di ripartire, specie come il cormorano, l'airone cenerino, il martin pescatore e la garzetta o numerosissimi piccoli passeriformi, alcuni dei quali anche nidificanti, come il codirosso spazzacamino, la cappellaccia e la cutrettola, oltre ai rapaci delle aree circostanti quali la poiana ed il falco pellegrino. - affermano alla Lipu - Oltre alle diverse specie di uccelli, sono poi presenti la lucertola campestre, il biacco, il coniglio selvatico, numerose coloratissime farfalle come l'icaro e la zigena insieme a diversi coleotteri".

Festa abusiva su isolotto, dj ex sottufficiale guardia costiera 

E' un ex sottufficiale della guardia costiera il dj, in arte Mauriziotto, che ha fatto ballare gli invitati alla festa di compleanno di due gemelli palermitani, entrambi medici, che hanno organizzato il party nella riserva protetta off limits ai turisti di Isola delle Femmine, nel Palermitano. La festa è stata interrotta dalla Finanza e dalla Capitaneria che hanno identificato i gemelli e gli ospiti. Sulla vicenda indaga la Procura.

Festa abusiva su isolotto: dj, non era un party giravamo video

"Non era una festa, ma un video clip da realizzare sull'isolotto di Isola delle Femmine commissionato dai fratelli gemelli entrambi medici, Vito e Antonio Triolo. Avevano l'autorizzazione da parte della proprietaria dell'isolotto la Marchesa Paola Pilo Bacci per realizzare il video per esaltare le bellezze dell'isola". Lo afferma all'Ansa Maurizio Giglio, noto deejay palermitano conosciuto come "Mauriziotto" adesso in pensione che per anni è stato dipendente della guardia costiera e anche responsabile dell'ufficio marittimo di Isola delle Femmine. "Non sono l'organizzatore dell'evento sull'isolotto. Ho solo accettato di fare da dj per il video clip. Ho letto l'autorizzazione da parte della proprietaria e mi è stato garantito che erano stati avvertiti sia la Capitaneria di Porto che l'ente gestore per la realizzazione del videoclip - aggiunge Maurizio Giglio - Come è finita si sa. Ma ribadisco che non c'era alcuna volontà di danneggiare l'isola ma realizzare un video sui quattro elementi fondamentali della natura per i filosofi greci, acqua, aria, terra e fuoco". "Io sono stati un militare della capitaneria, non avrei mai partecipato ad una festa sull'isolotto. Sarebbe stato grave. La festa doveva essere fatta al Beach Club, dove poi siamo andati a Isola delle Femmine. Non c'è niente di lucro, lì volevamo fare il party per il video, ma ci stavamo trasferendo quando sono intervenute le autorità, che ci hanno bloccato e fatto scendere in sicurezza", aggiunge Giglio. 

Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Roma, ecco dove vive Nunzia De Girolamo. L'appartamento a Prati è strepitoso

Il nido d'amore con Boccia (Capogruppo Pd al Senato)

Roma, ecco dove vive Nunzia De Girolamo. L'appartamento a Prati è strepitoso


in vetrina
Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico

Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico





motori
EICMA celebra 110 anni: pronta l'edizione 2024

EICMA celebra 110 anni: pronta l'edizione 2024

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.