A- A+
Cronache
Foggia, panettiere-killer resta in carcere: "Gelosia morbosa, non è pentito"
Taulant Malaj

Omicidio Foggia, Taulant Malaj resta in carcere per aver ucciso la figlia e il presunto amante della moglie, verso cui nutriva gelosia

Il giudice per le indagini preliminari del tribunale di Foggia ha convalidato il fermo contro il panettiere albanese Taulant Malaj, e ha emesso nei suoi confronti un’ordinanza di custodia cautelare in carcere. Il 45enne ha confessato di avere ucciso domenica scorsa a Torremaggiore (Foggia) la figlia 16enne Gessica e il vicino di casa, il 51enne Massimo De Santis, che riteneva essere l'amante di sua moglie. L’accusa è di duplice omicidio e di tentato omicidio della moglie 39enne Tefta, “salva grazie all’intervento della figlia e al convincimento del marito che fosse a terra già esanime”, oltre che all’arrivo successivo del personale sanitario.

"Il quadro indiziario - già grave e supportato dalle dichiarazioni confessorie del prevenuto - si è consolidato a seguito dell'acquisizione dei filmati (in casa erano presenti delle telecamere, ndr) che hanno ripreso quasi integralmente le scene in cui l'uomo colpiva ripetutamente con chiara volontà omicida sia la moglie che la figlia all'interno della sua abitazione. Le modalità del fatto e l'entità delle lesioni cagionate alle vittime mostrano chiaramente che il Malaj ha agito con l'intenzione di cagionare la morte non solo del De Santis ma anche della moglie e della figlia" si legge nel provvedimento di convalida del fermo a firma del gip Roberta di Maria.

Leggi anche: Foggia, la moglie del killer: "Telecamere in casa, in passato molestò Gessica"

Inoltre, nel corso dell'interrogatorio di convalida, l'assassino si è detto "dispiaciuto per la figlia", ma a quelle parole il giudice Di Maria sembra non crederci. Secondo quanto si legge nei documenti "sussistono concrete ragioni di cautela", che si evincono "dal tipo di reato commesso; dal movente che lo ha ispirato (ossessiva e morbosa gelosia verso la moglie); dalla condotta antecedente e successiva allo stesso; dal fatto che neanche la presenza del figlio minore Leonardo di appena cinque anni, che assisteva inerme alla violenza perpetrata ai danni della madre e della sorella, lo abbia fatto desistere dalla sua azione criminosa; dall'aver ostentato la propria inconcepibile 'impresa' riprendendo le vittime subito dopo averle accoltellate mortalmente e facendo mostra del proprio 'folle' gesto invitando tale video ad un suo amico; dalla mancanza di segni concreti di resipiscenza". Il giudice scrive anche che Malaj non è pentito di quanto commesso. Per tutti questi motivi, dunque, l'uomo resta in carcere per il concreto pericolo di fuga e di reiterazione del reato.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
foggiagessica malajmssimo de santisomicidiotaulant malajtefta malajtorremaggiore
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Al via le riprese del primo docufilm sulla vita privata di Alberto Sordi

Guarda le immagini

Al via le riprese del primo docufilm sulla vita privata di Alberto Sordi


in vetrina
Milano/ Nuovo flagship store per Swarovski: oltre 500 metri quadri in Duomo

Milano/ Nuovo flagship store per Swarovski: oltre 500 metri quadri in Duomo





motori
Citroën inaugura a Parigi “Le Chëvron” per presentate la nuova e-C3

Citroën inaugura a Parigi “Le Chëvron” per presentate la nuova e-C3

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.