A- A+
Cronache
L’imam di Torino all’università: attacchi a Israele. Scoppia la polemica

Imam in ateneo Torino occupato, condanna Bernini e rettore

Polemiche a Torino per le preghiere e l'infuocato sermone pronunciati venerdì scorso dall'imam (capo della Comunità islamica) Brahim Baya a Palazzo Nuovo, una delle sedi dell’università occupate da una decina di giorni nell'ambito dell''intifada studentesca'. L'ateneo torinese ha reso noto in un comunicato che la ministra dell’Università e della Ricerca, Anna Maria Bernini, ha telefonato al rettore, Stefano Geuna, il quale ha spiegato che "il fatto è avvenuto in situazione di occupazione da parte di studenti" e "quindi sotto la piena responsabilità degli occupanti".

"Per parte sua", aggiunge la nota, "l'Universita' di Torino ribadisce fermamente il carattere di laicita' dell'istituzione universitaria. Il rettore e il ministro hanno quindi condiviso un sentimento di piena condanna sull'accaduto". La preghiera dell'imam, documentata in un video intitolato 'Cosa ci insegna la Palestina', si e' svolta nell'androne del palazzo davanti a una trentina di studenti e fedeli, diversi dei quali di origine straniera. Diversi professori hanno condannato l'episodio come un "inno alla Jihad".

L'imam, molto attivo in 'Torino per Gaza' e responsabile della moschea Taiba di Via Chivasso, nel suo sermone ha parlato dei "nuovi sionisti sono arrivati per prendersi" la Palestina e "per insediarsi in un colonialismo piu' becero, piu' criminale che possa esistere" e plaude al "Jihad nel piu' alto senso di questo termine, come sforzo per difendere i propri diritti, come sforzo per difendere la vita umana, come sforzo per difendere la pace. La vera pace". 

GUARDA QUI L'INTERVENTO DELL'IMAM

LEGGI ANCHE: Israele come Hamas, equiparazione inaccettabile? No, basta con le scuse

IL RETTORE DI TORINO, "IMAM IN FACOLTA'? CHI OCCUPA FA ENTRARE E INTERVENIRE CHI VUOLE"

Sapeva dell'incontro religioso? ''Ovviamente no. Chi occupa prende il controllo degli spazi e organizza gli eventi. All'insaputa mia e del resto del personale. Funziona così. Questa poi, è un'occupazione abbastanza dura''. Lo dice in un'intervista alla Stampa Stefano Geuna, rettore di UniTo. ''In questi momenti, però, chi sta dentro l'edificio fa entrare e intervenire chi vuole. La responsabilità passa a loro. Non voglio lavarmene le mani. Oggettivamente non posso avere controllo. Né io né tutta la macchina dell'ateneo''. Naturalmente ''l'Università di Torino ribadisce fermamente il suo carattere di laicità. Il rettore e il ministro condividono un sentimento di piena condanna dell'accaduto''. Prossimi passi per gestire l'occupazione? ''Attendiamo che vadano via. Quando si instaura un dialogo c'è anche l'attesa. Su alcuni temi restiamo contrari e ascoltare non vuol dire prendere ordini''. A cominciare dalla ''richiesta di bloccare gli accordi con le università israeliane. Quella è stata già bocciata. E non accettiamo nessun ricatto''. 

Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Perrino: "Pierina personaggio ingombrante. Ecco perchè prende corpo un'altra ipotesi di indagine"

Rai, il direttore di Affaritaliani.it a Ore 14

Perrino: "Pierina personaggio ingombrante. Ecco perchè prende corpo un'altra ipotesi di indagine"


in vetrina
Carrà, in vendita la villa all'Argentario. Prezzo (quasi) accessibile. FOTO

Carrà, in vendita la villa all'Argentario. Prezzo (quasi) accessibile. FOTO





motori
Ford Mustang GTD: potenza estrema e design racing a Le Mans

Ford Mustang GTD: potenza estrema e design racing a Le Mans

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.