A- A+
Cronache
"La morte di Saman? E' colpa dell'Islam": il sondaggio parla chiaro
Saman Abbas

Di chi è la responsabilità dell'omicidio di Saman, la 18enne di origine pakistana uccisa dai suoi familiari? Il 32% degli italiani attribuisce la colpa all'Islam, che non consente una vera integrazione nella società Occidentale.

Il dato emerge da un sondaggio di Termometro Politico, al quale il 29,3% ha risposto che, dal suo punto di vista, più che una questione religiosa è un fatto culturale: la responsabilità sarebbe di una concezione patriarcale che rimane forte in alcune aree del mondo. 

Per il 20,5% la responsabilità non è di tutto l'Islam, ma dell'interpretazione più conservatrice che la famiglia aveva fatto propria.

Solo per il 14,5% si tratta di una responsabilità individuale, dei genitori e dei membri della sua famiglia.

Agli intervistati è stato chiesto anche quali misure, secondo loro, andrebbero prese per migliorare l'integrazione di chi proviene da una cultura diversa soprattutto islamica. Per il 33,3% si dovrebbe investire in istruzione e maggiori servizi pubblici nelle aree in cui l'immigrazione è maggiore, per il 23,7% si dovrebbe sorvegliare in particolare i movimenti, le associazioni, le moschee più fondamentaliste, eventualmente scegliendole ed espellendo i leader, per il 23,% l'integrazione è molto difficile quindi si dovrebbe vietare l'ingresso di immigrati sospettati di appartenere a gruppi integralisti, per il 14,4% l'integrazione è impossibile e bisognerebbe quindi vietare l'ingresso di immigrati di religione musulmana. Solo l'1,6% ritiene che dovremmo essere noi a comprendere di più e adeguarci alle loro usanze per poterli accogliere e integrare meglio.

Intanto, sul caso-Saman l’ufficio di presidenza della Commissione d’inchiesta sul femminicidio del Senato ha deliberato di avviare subito un’indagine.

“È motivo di sgomento per tutti noi - spiega la senatrice Valeria Valente, Presidente della Commissione sul Femminicidio e la violenza di genere - che una giovane donna possa rischiare la fine che temiamo abbia fatto Saman Abbas, soprattutto dopo aver cercato di salvarsi, chiedendo ripetutamente aiuto alle istituzioni del nostro Paese. In questa Italia, dove lei aveva scelto di vivere libera, le nostre leggi devono essere applicate fino in fondo e garantire la sicurezza a tutte le donne, di qualunque nazionalità o provenienza”.

Di fronte a tragedie come queste, secondo Valente, “non bastano il dolore e l’indignazione, e sono inammissibili le strumentalizzazioni politiche. Il legislatore ha il dovere di interrogarsi e di verificare se esista o meno un vuoto normativo. Come Commissione d’inchiesta cercheremo di accertare dove e come ha fallito la rete di protezione, e a questo scopo faremo tutte le audizioni necessarie e acquisiremo gli atti”.

 

Commenti
    Tags:
    samanislamfemminicidio
    in evidenza
    Dazn spegne i rumors sulla Leotta E' confermata sulla Serie A . Le foto

    Sport

    Dazn spegne i rumors sulla Leotta
    E' confermata sulla Serie A. Le foto

    i più visti
    in vetrina
    Come conciliare il risparmio con il rispetto dell'ambiente

    Come conciliare il risparmio con il rispetto dell'ambiente





    casa, immobiliare
    motori
    Andrea Vesco e Fabio Salvinelli vincono la 1000 Miglia 2021

    Andrea Vesco e Fabio Salvinelli vincono la 1000 Miglia 2021


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.