A- A+
Cronache
Loggia Ungheria, guerra su Amara. "Ma i giornaloni censurano il caso"

Esplode la guerra giudiziaria sul caso Amara e della loggia Ungheria. Quasi la totalità dei nomi citati da Amara negli interrogatori come presunti membri della loggia smentiscono e annunciano querele. Intanto, però, non tutti si stanno occupando di un caso giudiziario che sembra alquanto rilevante. Lo sostiene in un editoriale pubblicato in prima pagina su Libero Quotidiano Alessandro Sallusti. "Chissà perché quando atti giudiziari sensibili riguardano gli amici e gli amici degli amici scatta una gigantesca operazione di autocensura", scrive Sallusti. "Ieri né il Corriere della Sera, né La Repubblica, né La Stampa hanno pubblicato una sola riga sui verbali in cui il faccendiere Amara delinea l'esistenza di una loggia segreta, la Loggia Ungheria, e fa i nomi di magistrati, politici e importanti uomini dello Stato che ne farebbero parte". Insiste Sallusti: "Strano davvero questo silenzio, per di più da parte di testate che non hanno mai lesinato a fare paginate di documenti giudiziari ben prima che la veridicità del loro contenuto venisse vagliata".

Paola Severino: "Mai fatto parte di alcuna loggia"

Intanto, prosegue la pioggia di smentite. "Ribadisco quanto avevo gia' a suo tempo dichiarato: non ho mai fatto parte della loggia Ungheria ne' di alcuna loggia. Preciso inoltre che e' privo di ogni fondamento quanto riportato nei verbali pubblicati da alcuni quotidiani. Auspico che la magistratura faccia chiarezza nel piu' breve tempo possibile a tutela non solo mia ma di tutte le persone menzionate". Lo dichiara Paola Severino in merito alle dichiarazioni di Piero Amara contenute in alcuni suoi verbali.

CASO AMARA: EX CONSIGLIERE CSM GALOPPI, 'MAI IN NESSUNA LOGGIA"

''Non ho mai fatto parte di alcuna loggia né segreta né palese, né ho mai sentito parlare della cosiddetta loggia Ungheria. Non ho mai visto né conosciuto tale avvocato Amara le cui dichiarazioni sono nei miei riguardi destituite di ogni fondamento. Ho dato mandato al mio legale di presentare una denuncia per calunnia nei confronti dell'autore di queste dichiarazioni''. Così l'ex Consigliere togato del Csm Claudio Galoppi.

CASO AMARA: DE NICTOLIS, DE FRANCISCO E SIMONETTI, 'MAI IN LOGGE, TANTOMENO UNGHERIA'

''Non abbiamo mai fatto parte di alcuna loggia e nemmeno sappiamo cosa sia questa cosiddetta Loggia Ungheria. Pertanto richiederemo all'autorità competente di procedere per calunnia nei confronti dell'avvocato Amara, per l'eclatante falsità delle dichiarazioni che, secondo odierne notizie di stampa, egli avrebbe reso nei nostri confronti''. Così, dopo la smentita analoga del Presidente del Consiglio di Stato, la Presidente del Cgars Rosanna De Nictolis, il Presidente di Sezione Ermanno de Francisco e il Consigliere di Stato Hadrian Simonetti, stamattina dopo la lettura di alcuni stralci dei verbali delle dichiarazioni dell'avvocato Amara del 14 dicembre 2019, riportati da Il Fatto Quotidiano. 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    loggia ungheriaamara
    in evidenza
    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

    Corporate - Il giornale delle imprese

    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

    i più visti
    in vetrina
    Luce e Gas, passaggio al Mercato Libero. Abbassalebollette fa chiarezza

    Luce e Gas, passaggio al Mercato Libero. Abbassalebollette fa chiarezza





    casa, immobiliare
    motori
    Nuovo Nissan Qashqai si aggiudica le Cinque stelle Euro NCAP 2021

    Nuovo Nissan Qashqai si aggiudica le Cinque stelle Euro NCAP 2021


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.