A- A+
Cronache
Mafia: "Talpe di Messina Denaro", arrestati due investigatori
L'identikit di Matteo Messina Denaro

Mafia: "Talpe di Messina Denaro", arrestati due investigatori

Torna nuovamente alla ribalta, dunque, nell'inchiesta della procura di Palermo sulle presunte talpe che avrebbero favorito Matteo Messina Denaro, Antonio Vaccarino, ex primo cittadino di Castelvetrano, noto anche come Svetonio, lo pseudonimo che utilizzava per dialogare con "Alessio", il boss latitante. Scrive il gip Piergiorgio Morosini: "I rapporti intessuti dal Vaccarino - secondo il materiale investigativo alla base della richiesta cautelare - sono risultati caratterizzati dall'inquietante intreccio di relazioni non solo con ambienti certamente mafiosi ma anche con chi, rispetto a quegli stessi ambienti, dovrebbe essere fermo antagonista per ruolo e compiti istituzionali". Vaccarino e' stato arrestato stamattina assieme a due militari dell'Arma, il tenente colonello Marco Zappala' in forza alla Dia di Caltanissetta e l'appuntato Giuseppe Barcellona. All'appuntato viene contestato l'accesso abusivo al sistema informatico mentre al colonello Zappala' la divulgazione di notizie riservate. Mentre all'ex sindaco Vaccarino viene contestato il favoreggiamento aggravato a cosa nostra. Le indagini sono state effettuate dal Ros dei carabinieri e coordinate dal procuratore aggiunto Paolo Guido e dai sostituti Francesca Dessi' e Pierangelo Padova.

"Si rammenti che il protagonista terminale della sequenza dei reati di cui all'imputazione provvisoria e' l'uomo d'onore Vincenzo Santangelo, coimputato - prosegue il gip - di Antonio Vaccarino e condannato (dal tribunale di Marsala il 26 maggio '95, ndr) entrambi quali componenti sia della famiglia mafiosa di Castelvetrano sia di traffico di sostanze stupefacenti".Se la rivalsa era il "fine" di Vaccarino che - si legge - ha avviato una propria battaglia personale allo scopo di ottenere una rilettura critica di una stagione giudiziaria (cioe' quella apertasi all'indomani delle predette stragi) che, a suo dire, lo aveva visto vittima di una "persecuzione" ordita dal collaboratore di giustizia Vincenzo Calcara, molto piu' "oscuri" apparivano invece i motivi per il quali Zappala' intrattiene rapporti con Vaccarino: "non e' infatti allo stato legittimamente spiegabile il perche' l'Ufficiale della Dia di Caltanissetta - e' scritto nel provvedimento di 50 pagine- abbia instaurato rapporti con soggetti che si muovevano in contesti territoriali lontani dalla giurisdizione del suo ufficio e, come si vedra', si sia addirittura prestato a rivelare al Vaccarino (che poi riferiva al mafioso Vincenzo Santangelo) notizie coperte da segreto investigativo, essendo peraltro Zappala' ben conscio del profilo criminale dell'ex sindaco castelvetranese".

Commenti
    Tags:
    messina denaromessina denaro mafiamessina denaro arresti
    Loading...
    in evidenza
    Debutta Marietti Junior La nuova casa editrice per ragazzi

    Libri & Editori

    Debutta Marietti Junior
    La nuova casa editrice per ragazzi

    i più visti
    in vetrina
    Previsioni meteo: estate in pausa, ancora piogge e temperature giù di 10 gradi

    Previsioni meteo: estate in pausa, ancora piogge e temperature giù di 10 gradi


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Nuova Peugeot 308, disponibile in Italia

    Nuova Peugeot 308, disponibile in Italia


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.