A- A+
Cronache
"Mi chiamavano figa di legno". Me Too della pubblicità, la rivelazione choc
Valentina Selvaggia Mannone. Foto Dagospia

Me Too della pubblicità, "anni di abusi, sono finita dallo psicologo"

Non si spegne il caso del Me Too nel mondo della pubblicità. Sempre più ragazze hanno deciso di uscire allo scoperto e raccontare tutto. L'ultima di questa lunga lista è una 41enne copywriter. "Le molestie sessuali - si sfoga Valentina Selvaggia Mannone a Repubblica - sono la punta dell'iceberg di un modello marcio che tende a sottometterci. Per anni, un retaggio culturale ci ha portate a normalizzare comportamenti sessisti, su cui soltanto di recente abbiamo iniziato ad alzare la voce". La donna, che ha 17 anni di esperienza nel mondo della comunicazione tra Milano, Roma e Torino, svela cosa succedeva in quegli uffici in cui ha lavorato. "I continui commenti sul mio seno prosperoso. Le battute mi infastidivano e appena lo manifestavo venivo sminuita e definita una figa di legno. Sono cresciuta con un modello errato, secondo cui era normale sopportare questi soprusi, altrimenti si perdeva il posto di lavoro. Avendo subito episodi del genere in varie agenzie, sono arrivata a credere di essere io il problema. Ho pensato di essere sbagliata".

Leggi anche: "Mi ha drogata e violentata con un amico". Il figlio di La Russa è nei guai

Leggi anche: Milano, incendio in una casa di riposo: 6 anziani perdono la vita

"Era questo - prosegue Valentina Selvaggia Mannone a Repubblica - che ci inculcavano e finivamo in bagno a piangere. Anche se il mio carattere, quando mi sento vessata, mi porta a ribellarmi e diventare fredda e distaccata. Tanto che un superiore, una volta, mi chiese di ammorbidirmi ed essere più bagascia. Seppur nauseata, capii che non c’era una vera e propria allusione sessuale, intendeva che dovevo mostrarmi più piaciona e accomodante. Ma ben presto sentii un senso di fastidio e inadeguatezza che non riuscivo a sostenere. Ero diventata la caricatura di me stessa e la mia bravura era passata in secondo piano. Così sono scoppiata, ho iniziato un percorso con uno psicologo per prendere consapevolezza degli abusi subiti e riacquisire fiducia nelle mie abilità lavorative e mi sono licenziata. C’è voluto del tempo per ripartire: ora curo pochi clienti da freelance e insegno ginnastica acrobatica. Col senno di poi non ricadrei in tanti errori, ma ora sono serena".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
me too pubblicità
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Affari in rete

Politica

Affari in rete


in vetrina
Nutella, il gelato è stato già richiamato: c'è un problema con gli allergeni

Nutella, il gelato è stato già richiamato: c'è un problema con gli allergeni





motori
Alpine apre il primo atelier Alpine a Barcellona

Alpine apre il primo atelier Alpine a Barcellona

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.