A- A+
Cronache
Morta una turista italiana in Kenya: gravi ustioni dopo un incendio

Kenya, la turista italiana Michela Boldrini coinvolta nell'incendio del resort è morta

Michela Boldrini, la turista italiana rimasta gravemente ferita a seguito dell'incendio scoppiato in un resort in Kenya, è morta questa mattina (1 marzo). La donna 39enne era originaria della provincia di Bergamo, era ricoverata in Terapia Intensiva all'ospedale Aga Khan di Mombasa, ma a causa di complicazioni si è aggravata giorno dopo giorno. Il resort Watamu Barracuda Inn, sito lungo una delle spiagge frequentate dai turisti italiani, aveva preso fuoco all'improvviso, con le fiamme aiutate dal forte vento e dalla vegetazione.
La madre di Michela Boldrini è atterrata poco fa nella città keniana, assistita dall'Ambasciata d'Italia che, attraverso il Consolato onorario, ha seguito fin dall'inizio la vicenda in contatto con le autorità locali.

LEGGI ANCHE: Kenya, tante case di italiani danneggiate nel rogo di Malindi

Le dinamiche dell'incendio dove è rimasta coinvolta Michela Boldrini

Michela Boldrini si trovava ospite nel resorto in compagnia del cugino. I due erano al termine della vacanza e sarebbero dovuti partire il giorno dopo. Per questo, istintivamente invece di scappare velocemente dall'hotel, avevano provato a rientrare in camera per recuperare i documenti di viaggio e qualche effetto personale. Ma nel giro di una trentina di secondi le fiamme hanno avvolto l'area in cui si trovavano, causando a entrambi gravi ustioni, che alla donna sono poi risultate fatali. Tra gli italiani rimasti coinvolti nell'incendio c'è anche una donna di Napoli

I tetti delle resort erano fatti di sole foglie: le testimonianze

Secondo le testimonianze degli abitanti di Watamu, l'incendio sarebbe divampato dal Mbuyu Lodge, un bar ristorante con camere sulla via centrale della cittadina, dove sorgono anche negozi, discoteche e gelaterie che però non sono state colpite. I tradizionali tetti "makuti", fatti con foglie secche di palma, bruciano velocemente e propagano gli incendi ad alberi e altri tetti. Nel luglio di 2 anni fa un incendio simile aveva distrutto a Watamu un boutique hotel italiano, l'Alawi, ed una serie di ville private.

Della struttura turistica Barracuda Inn è rimasto ben poco. Mentre il resort attiguo, sulla stessa baia e anch'esso italiano, il Lily Palm, ha perso solamente il ristorante fronte mare. l general manager del Lily Palm Resort, Maurizio Ciorra racconta: "Il vento ci ha letteralmente graziati le fiamme si sono fermate appena prima delle cucine e le camere dell'hotel, dove alloggiano un centinaio di italiani, non sono state colpite".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
incendiokenyamichela boldriniresort
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Chiara Ferragni, Meloni o Bruzzone: chi è? Sono identiche... GUARDA LA FOTO

Vota il sondaggio di Affari

Chiara Ferragni, Meloni o Bruzzone: chi è? Sono identiche... GUARDA LA FOTO


in vetrina
Affari in rete/ Elezioni Sardegna, Verdini e Kiev: i meme su Meloni-Salvini

Affari in rete/ Elezioni Sardegna, Verdini e Kiev: i meme su Meloni-Salvini





motori
Fiat consolida la leadership nel mercato Italiano a febbraio

Fiat consolida la leadership nel mercato Italiano a febbraio

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.