A- A+
Cronache
Blitz anti-'ndrangheta, vicino alla soluzione il giallo sulla donna uccisa e data ai maiali nel 2016
Maria Chindamo

'Ndrangheta, blitz a Vibo Valentia: femminicidio irrisolto a Catanzaro nel 2016

Sono diversi i professionisti tra gli arrestati nell'operazione antimafia denominata Maestrale-Carthago portata a termine stamane dai carabinieri del Nucleo Investigativo di Vibo Valentia con il coordinamento della Dda di Catanzaro guidata dal procuratore Nicola Gratteri. Tra i destinatari della misura in carcere, anche l'avvocato penalista Francesco Sabatino del Foro di Vibo Valentia, difensore di diversi imputati del maxiprocesso Rinascita Scott. Agli arresti domiciliari è invece finito l'ex presidente della Provincia di Vibo Valentia ed ex sindaco di Briatico, Andrea Niglia, l'ex dirigente dell'Asp di Vibo ed attuale direttore sanitario della clinica Villa Sant'Anna di Catanzaro, Cesare Pasqua, l'avvocato del Foro di Vibo Valentia Azzurra Pelaggi.

Gli indagati complessivamente sono 84 e nei loro confronti la Dda di Catanzaro ipotizza, a vario titolo, i reati di associazione di tipo mafioso, omicidio, scambio elettorale politico mafioso, traffico di stupefacenti e armi, corruzione, estorsione, ricettazione, turbata libertà di incanti, illecita concorrenza con minaccia o violenza, trasferimento fraudolento di valori, truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche e altri reati tutti aggravati dal "metodo mafioso".

Leggi anche: Femminicidio a Trapani: 39enne uccisa dall'ex, poi lui scappa e si suicida

'Ndrangheta, giustizia per Maria Chindamo: tra gli arrestati c'è un accusato per l’efferato omicidio

L'operazione Maestrale-Carthago potrebbe far luce anche sull'omicidio di Maria Chindamo, la commercialista rapita e fatta sparire il 6 maggio 2016 dinanzi alla sua tenuta agricola di Limbadi, nel Vibonese. La Dda di Catanzaro contesta a un indagato, Salvatore Ascone, oltre alla partecipazione al clan Mancuso di Limbadi, alla detenzione di armi e droga, anche l'omicidio, in concorso con altri due soggetti (di cui uno deceduto e uno all'epoca dei fatti minorenne) di Maria Chindamo.

Leggi anche: Caivano, minacce di morte a Meloni. Intimidazioni ai parenti delle vittime

Uccisa perchè voleva essere libera. Il procuratore capo della Dda di Catanzaro, Nicola Gratteri, parla della morte di Maria Chindamo, nella conferenza stampa sull'esito dell'operazione "Maestrale-Carthago" contro le cosche di 'Ndrangheta del Vibonese. "E' una vicenda che ci ha impressionato, perche' questa donna dopo il suicidio di suo marito, avvenuto un anno prima rispetto alla sua scomparsa, ha pensato di diventare imprenditrice, di curare gli interessi della terra, di curare i figli e affrancarsi da quel modus operandi e quella mentalità mafiosa. Si era anche iscritta all'universita' ma non le e' stata perdonata questa sua libertà, questa sua voglia di essere indipendente, di essere donna".

Gratteri sul caso Chindamo: “Uccisa perché voleva essere una donna libera”

Iscriviti alla newsletter
Tags:
blitzfemminicidiomaria chindamondranghetaomicidio
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Croazia-Italia: Calafiori eroe, ma tutti fanno caso a un particolare...

Sport

Croazia-Italia: Calafiori eroe, ma tutti fanno caso a un particolare...


in vetrina
McDonald's dopo il gelato al bacon bandisce gli ordini con l'IA

McDonald's dopo il gelato al bacon bandisce gli ordini con l'IA





motori
BMW, sulla nuova Serie 7 arriva la guida autonoma di livello 2 e livello 3

BMW, sulla nuova Serie 7 arriva la guida autonoma di livello 2 e livello 3

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.