A- A+
Cronache
Nutriscore, etichettare il cibo senza criteri uccide il Made in Italy
(da Pixabay)

Il Nutriscore? “Uno strumento della grande distribuzione per dirci cosa dobbiamo mangiare, e di certo non suggerirà prodotti su cui ha poco profitto”. Ecco perché Italia e tanti altri Paesi sono contrari

Rinviata almeno a metà 2023 l'approvazione del Nutriscore, il sistema di etichettatura a semaforo UE (in sintesi il semaforo diventa verde per i cibi sani, giallo per quelli un po' meno sani, rosso non sani) che finirebbe su tutti i prodotti alimentari, indirizzando gli acquisti dei consumatori europei, trattati come beoti da inacanalare verso i cibi con segnali stradali invece che con l’educazione nutrizionale e la cultura alimentare.

Atteso per fine anno ha visto diversi Paesi membri contrari. Ora dovrà superare lo scoglio della sua mancanza di livelli di scientificità. La situazione è "complessa", ha ammesso Roser Domenech Amado, direttrice a interim di 'One Health' nella direzione generale salute e consumatori della Commissione europea.

Nutriscore funziona pressappoco così: per 100 grammi di cibo e 100 ml di bevande si valuta positivamente l’alto contenuto di frutta e verdura, fibre e proteine, dando un punteggio alto a quel cibo, mentre si ha un punteggio più basso o negativo per l’alto livello di energia nel cibo in caso di zuccheri, acidi grassi saturi e sodio. Un algoritmo calcola le combinazioni e secondo i creatori avrebbe il merito di velocizzare la capacità di acquisto di quelli sani.

Il problema è che Nutriscore non si basa su principi scientifici di alcun tipo, tanto meno nutrizionali ma su analisi che eliminano alcuni alimenti, con l’algoritmo che esegue e devasta tutto il resto, come quando veniamo bannati su un social media.

Un livello simil demenziale poiché per la letteratura scientifica specifica non esistono cibi buoni o cibi cattivi, ma diete equilibrate o meno, in cui ogni cibo può entrare a seconda della corretta quantità. Nutriscore non tiene conto delle porzioni come della composizione del pasto e si concentra sulle sostanze che hanno un alto contenuto energetico (come zucchero, grassi, sale), tacciandole come negative a priori. In più Nutriscore dà valore a cibi ultra processati che da letteratura scientifica sappiamo essere meno sani: tutto a vantaggio dei cibi artificiali a danno di quelli naturali e tradizionali senza lavorazione industriale.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
antibistecca sinteticacibi artificialicontro cibo italianolatte senza muccamade italynutriscoreolio extraverginesistema etichettatureue
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Prime lancia lo spin-off di Lol "Angioni futuro della comicità"

L'intervista ai tre giudici

Prime lancia lo spin-off di Lol
"Angioni futuro della comicità"


in vetrina
Gioseppo Woman lancia la nuova adv: lo spot con la bellissima Elsa Pataky

Gioseppo Woman lancia la nuova adv: lo spot con la bellissima Elsa Pataky





motori
Nuova MINI John Cooper Works Countryman: prestazioni e stile al top

Nuova MINI John Cooper Works Countryman: prestazioni e stile al top

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.