A- A+
Cronache
Pasta antifascista, da simbolo di caduta del regime a caso politico. Il punto
Pasta al pesto

Pasta antifascista, da simbolo di caduta del regime a caso politico in Veneto. Ma il Pd non ci sta, e neppure il Msi. Ecco cosa è successo

I fascisti odiavano la pasta, non la consideravano un alimento patriottico. Per questo la pastasciutta è antifascista. E oggi 25 luglio, come succede ormai da 80 anni, in Italia si cucina, si mangia e si celebra la prima pastasciutta antifascista, offerta dai sette fratelli Cervi alla comunità di Campegine, a Reggio Emilia, per festeggiare la fine della dittatitura fascista e la deposizione di Benito Mussolini, avvenuta in quella stessa data nel 1943.

Una pasta in bianco, con burro e parmigiano, simbolo di semplicità all'italiana, dato che l'alimentazione all'epoca era scarna, almeno per i non ricchi. Gran parte delle persone infatti mangiava solo polenta, a Nord, e pane, al Sud. Così, è facile immaginare perché i fratelli Cervi decisero di dare una festa e cucinare quintali di pasta in bianco per festeggiare la fine del fascismo. 

Leggi anche: Pasta sempre più cara: +32% dal 2021. Ma la crisi del grano c'entra poco

Eppure, a Rosà, in provincia di Vicenza, la pastasciutta antifascista è diventata un caso politico. La prima cittadina Elena Mezzalira ha deciso di non concedere l’autorizzazione all’utilizzo del Parco di via Sacro Cuore di San Pietro di Rosà, chiesto da quattro sezioni Anpi (Altopiano dei 7 Comuni, Bassano del Grappa, Marostica, Valbrenta) per festeggiare l’anniversario della caduta del fascismo con la simbolica pastasciutta. A denunciare l'accaduto è il Pd del Veneto, il quale parla di “censura in violazione di ogni principio democratico e repubblicano”.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
25 lugliofascismomsipasta antifascistapastasciuttapdrosàveneto
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Affari in Rete

Esteri

Affari in Rete


in vetrina
Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico

Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico





motori
Miki Biasion prova la nuova Lancia Ypsilon Rally 4 HF

Miki Biasion prova la nuova Lancia Ypsilon Rally 4 HF

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.