A- A+
Cronache
Processo Eni, nuovi guai per De Pasquale: "Sapeva dei teste pagati e le chat"
Fabio De Pasquale

Processo Eni, si complica la posizione dei pm accusati. Le nuove carte

Il filone del caso Eni-Nigeria che ha messo alla sbarra il procuratore aggiunto della Procura di Milano Fabio De Pasquale e il pm Sergio Spadaro nel processo in corso a Brescia, sta facendo emergere nuovi retroscena che - si legge su La Verità - rischiano di complicare la posizione dei due imputati accusati di aver nascosto al Tribunale in primis e poi all'Eni, alla Shell e agli altri imputati prove a discarico, come i messaggi del principale accusatore Vincenzo Armanna. Ma ora spuntano anche le chat con messaggi compromettenti di un altro faccendiere, si tratta di Isaac Eke, un nigeriano coinvolto nella trattativa, che in seguito ad una soffiata venne intercettato e perquisito il 19 novembre 2019, e gli vennero sequestrati anche ben quattro cellulari.

Leggi anche: Eni Sustainable Mobility: a Roma la flotta di Enjoy diventa anche elettrica

Leggi anche: Eni, colloqui esclusivi per acquisire Neptune Energy. Offerta fino a 6 mld

Dalle nuove carte risultano messaggi scottanti presenti su quei dispositivi, come il testo spedito il 19 novembre - prosegue La Verità - che era stato ricevuto da Eke nove giorni prima tramite WhatsApp da un interlocutore memorizzato come "Csp Odia", unitamente agli indirizzi mail dei destinatari, ossia quelli dei difensori di Armanna e dei pubblici ministeri oggi imputati. Ma nonostante i pm sapessero di queste chat "la grande stranezza - sottolinea l'accusa - è che non sia stata effettuata nessuna attività di indagine". Nelle chat si parla chiaramente di tutti i traffici: dai 50mila euro che avrebbe dovuto ricevere, che in realtà erano solo 19mila, alle foto di Armanna per poter essere riconosciuto in Aula. Insomma si tratterebbero di chat di testimoni pagati per fare false dichiarazioni e chat nascoste che svelerebbero il tentativo di truffa. L'accusa vuole capire perché i pm imputati scelsero di ignorarle.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
fabio de pasqualeprocesso eni
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Affari in rete

Guarda la gallery

Affari in rete


in vetrina
Royal Family/ Meghan Markle è "troppo nuda": polemica per la visita in Nigeria

Royal Family/ Meghan Markle è "troppo nuda": polemica per la visita in Nigeria





motori
Renault Rafale: l'ibrido high-tech che ridefinisce il SUV coupé nel segmento D

Renault Rafale: l'ibrido high-tech che ridefinisce il SUV coupé nel segmento D

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.