A- A+
Cronache
Regno Unito, l’ideologia di genere imposta nelle scuole: proteste di massa

Regno Unito, dai servizi igienici (unisessuali o unisex) alle uniformi (gonne o pantaloni), al materiale di lettura e ai pronomi degli alunni: tutto è oggetto di revisione. “Perché i politici devono intervenire sui bagni delle scuole? Risolvete il problema delle bollette elettriche alle stelle e il costo della vita!”

Quando l’arte si fa realtà. Cantano per strada le frasi dei Pink Floyd: “We don’t need no education. We don’t need no thought control” (Non abbiamo bisogno di alcuna educazione. Non abbiamo bisogno di alcun controllo del pensiero). Da giorni nel Regno Unito si moltiplicano le proteste studentesche contro le misure introdotte nelle scuole dai provveditorati. Gli alunni di ogni grado sono "obbligati a indossare pantaloni neri su misura" che in periodo estivo diventano pantaloncini neri al ginocchio, un "kit di educazione fisica neutrale rispetto al genere", devono utilizzare bagni unisex per non offendere i trans e alle studentesse a scuola è vietato indossare gonne. Durante l’orario delle lezioni viene anche impedito di recarsi nei bagni per i bisogni, una tortura che si accentua per le ragazze in caso di inizio del ciclo mestruale.

Accade perché da settimane molte scuole, su e giù per il regno di Re Carlo III d’Inghilterra, sono state invase dalla politicizzazione di “genere”. E quindi tutto, dai servizi igienici (unisessuali o unisex) alle uniformi (gonne o pantaloni), al materiale di lettura e ai pronomi degli alunni è oggetto di revisione. Accade per promuovere “l'inclusività e sostenere ulteriormente e responsabilizzare i nostri studenti con i nostri valori di uguaglianza e rispetto”, si giustificano in una delle tante scuole superiori. Ma soprattutto l’assurda regola dei bagni chiusi ha acceso la miccia.

GUARDA I VIDEO DELLE PROTESTE

 

 

Così da Southampton a Blackpool, all’Essex, la settimana scorsa in Cornovaglia, Lincolnshire e Yorkshire, sono state organizzate manifestazioni pubblicate finite poi sui social, in cui i ragazzi sollecitano i coetanei a scendere in piazza. I ragazzi ribaltano i banchi, prendendo a calci le porte, si rifiutano di entrare nelle aule e di ascoltare le lezioni.

La solidarietà di molti insegnanti, presidi, genitori e associazioni ha spinto la protesta oltre il previsto. Le agitazioni, avvertono i presidi nelle chat degli addetti ai lavori e sui quotidiani locali, stanno facendo “tendenza” su TikTok e Snapchat con milioni di visualizzazioni.

La considerazione battagliera che accomuna molti che intervengono sui giornali britannici è: “Perché i politici devono intervenire sui bagni delle nostre scuole? O metterci le uniformi? Risolvete invece il problema delle bollette elettriche alle stelle e il costo della vita!”.

I ragazzi che protestano invitano i coetanei a non lasciarsi coinvolgere in questioni di manipolazione che non nulla a che vedere con l’inclusività. I bagni unisex oltretutto incentivano il bullismo dato che in certe fasi della crescita tra ragazzi e ragazzi vi sono abitudini differenti.

Non bisogna discriminare chi è diverso o coloro che non trovano un proprio spazio ma all’irrazionalità c’è un limite.

Degli insegnanti coinvolti hanno parlato con il quotidiano britannico Observer, spiegando il disagio che la categoria vive: la paura di esprimersi in libertà e poiché si rischia molto facilmente di essere accusati di transfobia.

 

(CONTINUA A LEGGERE...)

Iscriviti alla newsletter
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Affari in rete

Guarda il video

Affari in rete


in vetrina
Belen paparazzata col nuovo fidanzato. Ecco chi è l'amore misterioso

Belen paparazzata col nuovo fidanzato. Ecco chi è l'amore misterioso





motori
MINI Aceman: innovazione e stile nel nuovo crossover elettrico

MINI Aceman: innovazione e stile nel nuovo crossover elettrico

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.