A- A+
Cronache
Renna: "Stop all' invio di armi in Ucraina. Senza Rdc ci sarà più povertà"

Affaritaliani.it intervista l’Arcivescovo di Catania Luigi Renna su povertà, guerra e giustizia

Povertà, guerra e giustizia: temi caldi che infuocano quello che si prospetta un inverno glaciale per gli italiani. Tra aumenti di bollette e i rincari della benzina, l’Italia rischia seriamente un’escalation di povertà a cui molti – soprattutto chi non riceverà più il reddito di cittadinanza – non potranno sfuggire se non adeguatamente supportati da politiche che aiutino la società.

Affaritaliani.it intervista il presidente della commissione episcopale per i Problemi Sociali e il Lavoro, la Giustizia e la Pace della Conferenza episcopale italiana, l’Arcivescovo di Catania Luigi Renna che passa ai raggi X il Paese e i suoi principali problemi.

Martedì 11 gennaio c'è stato il primo incontro ufficiale tra il Presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, e il Santo Padre. Molti i temi sul tavolo: immigrazione, guerra,povertà. E proprio dalla povertà vorrei partire. Nell'ultimo periodo c'è stato un aumento delle persone che chiedono aiuto alle parrocchie o alla Caritas? Qual è lasituazione oggi?

La situazione è una situazione che è sotto gli occhi di tutti, e si sta già provvedendo con tanti aiuti ad andare incontro a quello che è stato definito una povertà ereditaria per tante situazioni. È una povertà endemica. Eppoi i nuovi poveri, le persone che vivono nella precarietà che non riescono a uscire da questa situazione. Il tutto aggravato dal caro bollette. Io credo che nelle prossime settimane potremmo avere una situazione in cui la povertà incalzi ancora di più. Al Papa sta sempre a cuore questo tema perché credo che trattandolo con la Meloni abbia indicato delle priorità da attenzionare nel suo Governo.

Ma ovviamente non possiamo sapere se il Papa sia entrato nel merito di alcune questioni. Certamente c’è un grosso nodo da risolvere, per il Governo, che è il modo in cui tratterà il reddito di cittadinanza. Come si risolverà a che non sfoci nell’assistenzialismo e come far sì che le persone occupabili entrino nel mondo del lavoro. Dover affrontare questo tema, in questo momento particolarmente delicato è molto arduo. Certamente prima o poi bisognerà ritornare perché così com’è, credo siamo tutti quanti d’accordo, il reddito non può stare in piedi perché non crea condizioni risolutive in maniera totale. Ma allo stesso tempo, togliere subito questo sostegno significa anche gettare nell’incertezza tantissime famiglie”.

Infatti, come sappiamo, il Governo ha tagliato i finanziamenti al reddito dicittadinanza, che durerà per altri 7 mesi. Milioni di persone rimarranno senza un'entrata. Non temete un'escalation di povertà, considerando anche le bollette che non scendono, il rincaro della benzina?

Certamente temiamo un'escalation di povertà. Il caro bollette e il protrarsi di situazioni di precarietà, getterà ancora di più molte persone in una situazione di povertà.

L'Europa e la Nato hanno firmato un patto per dare più armi all'Ucraina, a cui ovviamente parteciperà anche l'Italia. Proprio mercoledì scorso infatti il Senato ha approvato il dl che proroga le forniture militari all’Ucraina. Ma ancora non è il momento per il dialogo?

Un arbitrato è stato offerto dal Papa e anche da altri capi di stato, ma in primo luogo Putin e altri non hanno accettato. Certamente a noi fa paura questa escalation e questo fornire armi, perché a un certo punto non costringe a un dialogo. Dico costringe perché stanno seguendo entrambi la via della vittoria a tutti i costi. Io non lo so se siamo ancora nei termini di una legittima difesa per l’Ucraina. Bisognerebbe valutare tante cose, ma certamente questo fornire armi è una soluzione che non porterà a nulla. Non porterà certo al dialogo, perché nessuno con questi aiuti si tirerà indietro.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
arcivescovocataniaguerraintervistareddito di cittadianza
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Falchi-Crippa, prima uscita pubblica Matrimonio in vista? Quell'anello...

Le foto

Falchi-Crippa, prima uscita pubblica
Matrimonio in vista? Quell'anello...


in vetrina
Crozza/Sala: "Se mi metto una cassetta delle offerte al collo raccogliamo un po’ di soldini..."

Crozza/Sala: "Se mi metto una cassetta delle offerte al collo raccogliamo un po’ di soldini..."





motori
Opel storiche,ci si vede a Ferrara il 14 Settembre

Opel storiche,ci si vede a Ferrara il 14 Settembre

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.