A- A+
Cronache
Resta in carcere medico Virtus Bologna. I giudici: "Amante resta in pericolo"

Bologna, resta in carcere l'ex medico della Virtus accusato di aver ucciso la moglie

Resta in carcere Giampaolo Amato, l’ex medico della Virtus Bologna accusato della morte della moglie Isabella Linsalata. Il tribunale della Libertà ha respinto l’istanza dei legali confermando dunque l’ordinanza di custodia cautelare in cella. La decisione del Riesame è arrivata dopo la richiesta di scarcerazione avanzata di legali dell’uomo nei giorni immediatamente successivi all’arresto, avvenuto ad inizio aprile, due anni dopo la morte della ginecologa.

L’istanza degli avvocati di Giampaolo Amato si basava sulla considerazione che l’indagine fosse piena di prove meramente indiziarie e sul fatto che l’uomo non ha mai provato a scappare nonostante sapesse delle indagini a suo carico. L’accusa invece aveva chiesto il carcere indicando a carico del medico il pericolo di contaminazione delle prove, oltre al rischio di un ulteriore gesto violento contro l'amante che lo aveva lasciato dopo aver saputo delle indagini a suo carico.

LEGGI ANCHE: Medico Virtus Bologna, un serial killer? I giudici: "A rischio anche l'amante"

Giampaolo Amato è accusato di omicidio volontario aggravato della moglie Isabella Linsalata che si sarebbe consumato tra il 30 e il 31 ottobre 2021 mediante avvelenamento da farmaci. Per l’accusa l’uomo voleva liberarsi della moglie e le avrebbe somministrato dosi massicce di farmaci di cui aveva disponibilità in ospedale causandone il decesso. Il medico ha sempre negato ogni accusa sostenendo che la moglie assumesse volontariamente quei farmaci.

LEGGI ANCHE: "Farmaci letali alla moglie", medico indagato anche per la morte della suocera

Iscriviti alla newsletter
Tags:
amanteamatobolognacarcerefarmacimedicovirtus
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Fagnani in crisi con Mentana? L’indizio rivelatore che incuriosisce

La coppia più famosa del giornalismo

Fagnani in crisi con Mentana? L’indizio rivelatore che incuriosisce


in vetrina
Testamento, Raffaella Carrà senza figli: ecco a chi va la ricca eredità

Testamento, Raffaella Carrà senza figli: ecco a chi va la ricca eredità





motori
Fiat: Partner di Torino Capitale della cultura d’impresa 2024

Fiat: Partner di Torino Capitale della cultura d’impresa 2024

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.