A- A+
Cronache
Scuola, sentenza clamorosa. Prof risarcita per 9 anni da precaria

Clamorosa sentenza del Tribunale di Torino. Lo Stato dovrà risarcire un'insegnante dopo 9 anni di precariato. Una decisione che apre la porta a migliaia di altri ricorsi. Come racconta Repubblica Torino,  è stata un'insegnante torinese cinquantenne a vincere una causa che può davvero fare giurisprudenza. La donna aveva fatto causa al ministero e ha ottenuto più di 20 mila euro di risarcimento.

Il tribunale di Torino le ha infatti riconosciuto il diritto a "ricostruire" la sua carriera in modo completo e non solo in parte, come invece prevedrebbero le regole. La docente, spiega l'edizione piemontese di Repubblica, era stata assunta nell'anno 2007-2008 dopo ben nove anni di precariato. In quel momento la carriera le era stata "ricostruita", cioè lo Stato le aveva riconosciuto l'anzianità di servizio e in questo modo le aveva permesso di ottenere gli scatti di stipendio previsti dal contratto nazionale. Solo che una normativa interna prevede pure il "raffreddamento" della carriera. Per il sindacato questa norma contrasta con una direttiva europea (la 70 del 1999), che prevede invece un principio di non discriminazione. E il tribunale gli ha dato ragione.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
scuolaprof
in evidenza
Affari continua a salire Ad agosto crescita del 40%

Dati audiweb

Affari continua a salire
Ad agosto crescita del 40%

i più visti
in vetrina
Juve Roma, Mourinho: "Rigore? Mi isolo. Il recupero? Dimostra un'intenzione"

Juve Roma, Mourinho: "Rigore? Mi isolo. Il recupero? Dimostra un'intenzione"





casa, immobiliare
motori
Nuova Ford Focus: un accurato restyling aggiorna look e tecnologie

Nuova Ford Focus: un accurato restyling aggiorna look e tecnologie


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.