A- A+
Cronache
Strage Erba, Olindo e Rosa colpevoli nonostante i "ragionevoli dubbi"

Strage Erba, Olindo e Rosa colpevoli nonostante i "ragionevoli dubbi"

Quello della Starge di Erba è uno dei casi di cronaca nera dell’ultimo millennio che più ha diviso il “Tribunale mediatico” tra innocentisti e colpevolisti. “È stata emessa una sentenza, leggeremo le motivazioni e ricorreremo in Cassazione”. Lo ha affermato Fabio Schembri, difensore di Olindo Romano e Rosa Bazzi condannati in via definitiva all’ergastolo per la strage di Erba, dopo che la corte di Brescia ha respinto la richiesta di revisione del processo.

Tra gli innocentisti spicca il nome del dott. Cuno Tarfusser, sostituto procuratore generale di Milano. La mossa del sostituto procuratore di Milano ha pochi precedenti nella storia della giustizia italiana proprio per il significato sostanziale che ha avuto il deposito del suo atto alla Procura Generale tanto che per questa sua iniziativa è anche stato sanzionato dal Csm. In poche parole è come se la magistratura  si fosse interrogata sulla sua stessa condotta.

LEGGI ANCHE: Strage di Erba, Tarfusser: "La giustizia ha perso la cultura del dubbio"

La richiesta di revisione presentata dal magistrato, prima ancora che lo avesse fatto l'avvocato difensore delle parti,  Fabio Schembri, è già un evento, più unico che raro. Nella sua relazione, il sostituto Procuratore generale di Milano, ha firmato  proprio una critica al modo in cui sono state condotte le indagini e a come nei giudizi di merito sono state valutate le tre prove regina di questo processo: dalla macchia di sangue sul battitacco dell'auto di Olindo, alle confessioni “dettagliatissime e sovrapponibili di Rosa e Olindo”, come scrisse la Corte d'assise di Como, al riconoscimento dei Killer ad opera del super testimone Mario Frigerio.

Già i giudici dell'appello di Milano dovendo giustificare i resoconti deliranti di Rosa Bazzi  e i 243 errori di Olindo, dovettero constatare che erano piene di versioni non credibili e numerose inesattezze. Ma lo attribuirono all'intenzione della coppia di lasciare aperta una porta alla futura ritrattazione passando poi per la testimonianza dell'unico sopravvissuto, Mario Frigerio e a quel riconoscimento tardivo del suo aggressore.

Mario Frigerio non ha collocato mai Rosa Bazzi  sulla scena del crimine, ha sempre parlato seppure tardivamente, esclusivamente di Olindo. In una prima fase Frigerio ha fatto un identikit del killer  completamente diverso dalla figura di  Olindo Romano: lo descrive più alto di 10 cm e di carnagione scura. Tutto l'impianto accusatorio, secondo Tarfusser, sarebbe viziato da errori. Secondo il magistrato,  alla luce delle nuove capacità investigative, potevano essere approfonditi, con il contributo della scienza, nuovi elementi e testimoni nuovi profili di responsabilità diversi da Olindo Romano e Rosa Bazzi.

D'altra parte, proprio la Suprema Corte di Cassazione ha scritto: "Sul caso si addensano numerosi dubbi e aporie"ovvero domande senza risposta. Sono frasi sconvolgenti per una condanna all'ergastolo, per uno Stato che ha inserito nel proprio ordinamento la colpevolezza solo quando questa va oltre ogni ragionevole dubbio. L’aporia sicuramente è una domanda che non conosce risposta e quindi non è un ragionevole dubbio, è ben altro che un ragionevole dubbio. Le possibilità di soluzione risultano annullate in partenza dalla contraddizione. Siccome Rosa è mancina, tale dettaglio costituisce un clamoroso indizio di responsabilità, atteso che, secondo l'autopsia, il bambino fu sgozzato da un mancino. Per quanto sia grottesco considerare che il fatto di essere mancini  possa essere un indizio, tale versione non risulta dalle relazioni autoptiche che  invece descrivono l’autore del delitto del bambino, come un destrimane. Ci si chiede come facciano 26 giudici a sbagliare. Per ogni errore giudiziario in Italia (e di errori l'Italia è piena), hanno sbagliato un numero equivalente di giudici, se non di più, se non decine di giudici.

Tra gli innocentisti compare certamente anche Azouz Marzouk, marito di Raffaella Castagna e padre di Youssef, il quale non ha mai nascosto di essere convinto che gli autori di quella atroce strage che ha decimato la sua famiglia, non siano stati Rosa e Olindo ma Killer che hanno agito con una sapienza, una velocità ed una organizzazione da professionisti: “Non mi interessa se sia per spaccio o per altri motivi, l’importante è che si riapra il processo”, aveva dichiarato facendo un in bocca al lupo a Rosa ed Olindo.

Tuttavia, oggi  si sono  riaperte per i coniugi Romano inappellabilmente per i Giudici della corte d’appello di Brescia, le porte dei  carceri milanesi di Opera e Bollate: dopo 3 udienze e cinque ore di camera di consiglio la condanna è quella del fine pena mai.

* Avvocata e criminologa

Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Il grande salto compiuto da Zara: dal fast fashion al mondo del lusso

Boutique eleganti, collaborazioni costose e... L'analisi

Il grande salto compiuto da Zara: dal fast fashion al mondo del lusso


in vetrina
Matilde Gioli dimentica l'ex Marcucci: l'attrice ha trovato un nuovo amore

Matilde Gioli dimentica l'ex Marcucci: l'attrice ha trovato un nuovo amore





motori
CUPRA oltre l’automotive, nasce la partnership con la 37a Louis Vuitton America’s Cup

CUPRA oltre l’automotive, nasce la partnership con la 37a Louis Vuitton America’s Cup

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.