A- A+
Cronache
Strage di Erba, Tarfusser: "La giustizia ha perso la cultura del dubbio"

Strage di Erba, confermato l'ergastolo per Olindo e Rosa. Il pm Tarfusser ad Affari: "Istanza inammissibile? Si è persa la cultura del dubbio. La giustizia del potere giudiziario ha vinto sugli atti"

Inammissibile. Una sola parola che spegne, probabilmente per sempre, le speranze di Olindo Romano e Rosa Bazzi, condannati all’ergastolo per la strage di Erba. La Corte d’Appello di Brescia, infatti, ha rigettato le istanze di revisione avanzate dal sostituto procuratore della Corte d'appello di Milano Cuno Tarfusser e dai legali della coppia.

A nulla sono servite le numerose consulenze, le “nuove prove” portate avanti dalla difesa, la pista alternativa della droga, la testimonianza di Azouz Marzouk a favore di Olindo e Rosa; prove e controprove che noi di Affaritaliani.it abbiamo scandagliato, riportando i dubbi legittimi che emergevano nella ricostruzione degli accadimenti.

LEGGI ANCHE: Erba, Tarfusser: "Ecco le nuove prove che assolvono Olindo e Rosa". Le carte

LEGGI ANCHE: Erba, da Frigerio inattendibile alle prove fotografiche: quello che non torna

LEGGI ANCHE: Erba, il consulente: "Ecco come hanno convinto Rosa e Olindo a confessare"

LEGGI ANCHE: Erba, Tarfusser: "Ecco le nuove prove che assolvono Olindo e Rosa". Le carte

LEGGI ANCHE: Strage di Erba: “La macchia di sangue nell'auto dei Romano? Non è una prova”

LEGGI ANCHE: Erba, la consulente: "Mario Frigerio? Testimone inattendibile. Ecco perchè"

LEGGI ANCHE: Caso Erba, dalla censura di Chi l'ha visto alla droga: in un libro le ombre

Dopo poche ore di camera di consiglio i giudici hanno “sentenziato” l’inammissibilità di tutto ciò e, forse, a poco serve che l’avvocato Fabio Schembri, che non ha mai abbandonato Olindo e Rosa, si sia affrettato ad annunciare ricorso in Cassazione per “vizio di legittimità”. E mentre una parte degli italiani esulta, certi della colpevolezza della coppia, un’altra parte si chiede se sia davvero stato tutto inutile, e se nel nostro sistema il seme del dubbio possa davvero portare alla riapertura di un processo.

Se lo è chiesto anche Cuno Tarfusser, che insieme a Schembri ha creduto nella mancanza dell’“oltre ogni ragionevole dubbio” in tutti questi anni, e che parlando con Affaritaliani.it ha ammesso sconfortato: “La prima cosa che mi viene in mente è che la giustizia ha perso la cultura del dubbio. Questa non è quella che ho servito per 40 anni; è la giustizia del potere giudiziario che ha prevalso sugli atti”. “Che Olindo e Rosa non c’entrino nulla io ne sono sicuro, ma non è neppure questo il punto. Nessuno ha le certezze, ma che i dubbi fossero grandi è evidente, così come nessuno ha capito cosa vuol dire ‘al di là di ogni ragionevole dubbio’”, ha aggiunto Tarfusser parlando con Affari.

“Al contrario, con questa dichiarazione rimane intatto il dubbio, sia in un senso sia nell’altro, e continueranno ad esserci sempre colpevolisti e innocentisti. Mi domando cosa costasse riaprire il processo, per eliminare queste domande”.

I giudici hanno dichiarato l’“inammissibilità”, ma “cavarsela con questa dicitura è la cosa più bassa che si potesse fare. Anche perchè avevano già dichiarato l’istanza ammissibile qualche mese fa, quindi hanno fatto un passo indietro. E questo, giuridicamente, sarà oggetto di discussione”, ha aggiunto Tarfusser. “Non so cosa possa essere successo internamente, e forse non lo voglio neppure sapere, ma sono contento di andarmene da questa amministrazione allo sbando, da questo sistema marcio”, ha concluso.

Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Maneskin, Damiano e Victoria stufi. La band si scioglie? Le indiscrezioni

Le due star vogliono diventare solisti

Maneskin, Damiano e Victoria stufi. La band si scioglie? Le indiscrezioni


in vetrina
Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico

Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico





motori
La Nuova MINI Cooper S 5 porte: spazio e divertimento alla guida

La Nuova MINI Cooper S 5 porte: spazio e divertimento alla guida

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.