A- A+
Cronache
Unabomber morto in carcere a 81 anni. Theodore Kaczynski terrorizzò l'America
Unabomber quando fu arrestato

Unabomber, Theodore Kaczynski, seminò il panico negli Usa con i pacchi bomba

Per 18 anni terrorizzò gli Stati Uniti con i suoi pacchi-bomba che inviava a università, aerolinee, esponenti del mondo accademico; l'Fbi non riusciva a trovare elementi per incastrarlo e alla fine fu il fratello a fornire gli indizi decisivi. Condannato all'ergastolo, il terrorista Theodore Kaczynski, meglio noto come "Unabomber", è stato trovato morto in una cella in un carcere della Carolina del Nord.   

Kaczynski era uno studente dotato, un genio della matematica, entrato all'Università di Harvard a soli 16 anni e che, a 25, era già assistente presso la prestigiosa Università di Berkeley. Ma a un certo punto, intraprese una crociata contro il progresso e la tecnologia: lasciò la vita accademica e, all'inizio degli anni '70, si allontanò dalla civiltà per vivere in una capanna nel Montana, dove non c'era acqua corrente nè elettricità ed era illuminata da candele che fabbricava lui stesso. E proprio da questa capanna, nutrendosi dei conigli a cui dava la caccia, tra il 1978 al 1995, questo brillante matematico divenuto eremita terrorizzò il Paese inviando sedici bombe, nascoste in pacchi postali, a varie persone e aziende.

Era il suo rifiuto del ruolo della tecnologia nella civiltà, ma in questo modo provocò tre morti e 23 feriti. I suoi primi bersagli furono accademici e compagnie aeree, il che gli guadagnò il soprannome di "Unabomber" (che sta per "University and Airline Bomber"). Ma nel settembre 1995, promettendo di cessare l'invio di bombe, Kaczynski riuscì a farsi pubblicare dal New York Times e dal Washington Post un lungo manifesto di 35mila parole: si intitolava "La società industriale e il suo futuro", vi esprimeva il suo odio per la tecnologia e il mondo moderno e giustificava la sua campagna omicida.

E fu a quel punto che durante la lettura del manifesto, il fratello, David Kaczynski, vedi nel documento una somiglianza con i vecchi scritti di Theodore, che era ormai da anni tagliato fuori dalla famiglia: allertò l'FBI e, nell'aprile 1996, il terrorista fu arrestato. Nonostante una diagnosi di schizofrenia paranoica, gli psichiatri ritennero che potesse essere portato davanti a una giuria: fu processato e nel 1998 condannato all'ergastolo.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
kaczynskiunabomber
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Affari in rete

Guarda la gallery

Affari in rete


in vetrina
Carrà, in vendita la villa all'Argentario. Prezzo (quasi) accessibile. FOTO

Carrà, in vendita la villa all'Argentario. Prezzo (quasi) accessibile. FOTO





motori
Alpine Endurance Team alla 24 Ore di Le Mans: test day cruciale

Alpine Endurance Team alla 24 Ore di Le Mans: test day cruciale

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.