A- A+
Cronache
Venezia divorata: in estate più posti letto per i turisti che per i residenti

Venezia in caduta libera, il triste destino di una città ex regina del Mediterraneo. Analisi 

Da Regina del Mediterraneo a regina dell'overtourism: questo è il triste destino della città più bella e sfruttata del mondo. Il sovraffollamento è una malattia che colpisce un numero crescente di centri storici che può avere un solo esito: la morte delle città e la loro trasformazione in stazioni diffuse dell'immenso “luna park” destinato al turismo di massa. Perché l'overtourism è un cancro che si nutre di mattoni, divora spazi vitali, s'infiltra nel tessuto connettivo umano e sociale dei centri urbani espellendo gli abitanti, man mano sostituiti da una pletora di figuranti in transito (leggasi turisti). 

Se e quando questo “ricambio” verrà ultimato, e anche l'ultima casa del centro storico sarà trasformata in un albergo, un b&b, o un Airbnb – flagello che ha stravolto il cuore di molte città, trasformate in dormitori di lusso-, oppure venduta al “Paperone” straniero di turno che ne farà la sua terza, quarta, quinta residenza, oppure una bella fondazione, milioni di turisti vagheranno in una città senz'anima, rigorosamente instagrammabile, dove nessuno vorrà o potrà più vivere.

A questa deriva, nella simbolica ricorrenza del cinquantesimo anniversario della Legge speciale per Venezia, promulgata il 16 aprile 1973, gli abitanti della Serenissima hanno risposto con una manifestazione corale e partecipata, “Tutti in campo”, alla quale hanno aderito trenta comitati e associazioni attive nell'area metropolitana di Venezia. Coordinata dal comitato C 16 A (Comitato 16 Aprile), acronimo che volutamente richiama un numero civico, l'iniziativa ha catalizzato il disagio della cittadinanza e dato voce alle sue necessità, sempre più sacrificate alle ragioni del profitto e del turismo.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
residenzaturismovenezia
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Affari in rete

Guarda la gallery

Affari in rete


in vetrina
Royal Family/ Meghan Markle è "troppo nuda": polemica per la visita in Nigeria

Royal Family/ Meghan Markle è "troppo nuda": polemica per la visita in Nigeria





motori
Jeep Experience: un successo tra prestazioni Off-Road e accoglienza premium

Jeep Experience: un successo tra prestazioni Off-Road e accoglienza premium

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.