A- A+
Cronache
Veronesi e le falsità sul diploma: sit in di protesta per smentire Il Fatto
Alberto Veronesi direttore D'orchestra _

“La calunnia è un venticello”: sit in di protesta di Veronesi contro l'articolo del Fatto Quotidiano 

Questa mattina il maestro Alberto Veronesi ha tenuto un sit in di protesta con pianoforte e cantante lirico in via  di Sant’Erasmo 2, a Roma. Dal Barbiere di Siviglia è stata eseguita  “La calunnia è un venticello”, contro l'articolo de Il Fatto Quotidiano secondo cui Veronesi non si sarebbe diplomato a pieni voti al Conservatorio e contro il quale il presidente del Comitato Puccini ha annunciato una querela.

LEGGI ANCHE: Alberto Veronesi: sostegno a Sala. Un progetto civico in vista delle comunali

Veronesi contro il Fatto Quotidiano: le "falsità" riportate dal quotidiano sul maestro 

"Sono già state consegnate due Querele penali al Tribunale di Roma per il Fatto Quotidiano per diffamazione aggravata. Altre querele e segnalazioni al Garante per l'Editoria sono in preparazione. Preciso che chiunque persistesse in dichiarazioni diffamanti sarà querelato a termini di legge", ha specificato il maestro Veronesi che con una serie di documenti ha smontato le "falsità" pubblicate dal quotidiano. 

LEGGI E SCARICA QUI IL TESTO INTEGRALE DE "LE BUGIE" DEL FATTO QUOTIDIANO 

 

Falsità 1) il sottoscritto "sarebbe stato bocciato in tutte le materie del conservatorio e non avrebbe titoli di studio".

Si precisa che lo scrivente è in possesso di tre titoli di studio di diploma di laurea, resi equivalenti alla laurea dalla legge 224 del 2012, presso i Conservatori di Stato di Milano, di Napoli e di Caltanissetta, e che la media ponderata dei voti conseguiti, che comprendono anche un 10 e lode, è pari a 9,00 se si considera la lode valevole un punto in più come orientamento di molti atenei (o 8,83 se si considera valevole solo mezzo punto).

I diplomi sono pubblicati di seguito.

Diplomi Conservatorio   02

 

 

Si precisa che il sottoscritto non è mai stato bocciato ad alcun esame di Conservatorio, contrariamente a quanto riportato "per sentito dire" dal giornalista.

Falsità 2) all'esame di conferma del primo anno di “composizione sperimentale” sarei stato bocciato “per grave incapacità cognitiva e musicale”. Tutto ciò è totalmente falso: sul verbale, che allego, si legge testualmente, 'esame conferma primo anno 86/87 voto 9'. L'anno dopo, come quasi metà degli allievi del professore A.G., mi dimisi dal Conservatorio per presentarmi da privatista per l'esame di "composizione principale" (allego anche screenshot dei dimessi).

Verbali Conservatorio 1986 1987

 

 

Falsità 3) la dichiarazione “Lui si presentò da privatista e gli demmo un sei giusto per farlo passare, dicendo tra noi, tanto seguirà le orme del padre e non farà mai il musicista. Così passo per il rotto della cuffia con il voto minimo". Tale dichiarazione diffamatoria è falsa. Il verbale del compimento inferiore di composizione (quinto anno), che allego, conseguito nel 1988, presso lo stesso Conservatorio di Milano, riporta la votazione di 7, e non 6. (Senza voler fare raffronti Giacomo Puccini, da interno del Conservatorio di Milano, conseguì il diploma con 163/200, pari a 8.15, anche lui da attaccare dal FQ?).

Conservatorio 05 06 24

 

 

Falsità 4) Veronesi non ha mai ottenuto il Premio Abbiati della critica italiana giusto per farlo passare, dicendo tra noi, tanto seguirà le orme del padre e non come da lui dichiarato.

Falso, nel curriculum di Veronesi vi è infatti specificato che egli è stato direttore artistico del Festival Puccini "vincendo nel 2003 il premio Abbiati" per la produzione de "La Boheme": qui è correttamente specificato che la produzione de la bohème, è stata la vincitrice del premio, con le scenografie di Jean Michel Folon, scenografie, commissionate da Alberto Veronesi quale direttore artistico. Del tutto similmente il film Oppenheimer si dice abbia vinto 7 premi oscar, anche per i premi attribuiti al miglior attore, al miglior regista, al miglior attore non protagonista, etc. Nulla di falso di dichiarato da Alberto Veronesi.



 

 

Falsità 5) "Veronesi non si è diplomato a pieni voti come da lui dichiarato”.

Intanto il Fatto Quotidiano si dovrebbe mettere d'accordo con se stesso, in un articolo dichiara che non ho i diplomi, in un altro dichiara che non sono diplomato a pieni voti. Alberto Veronesi, come già illustrato, ha ottenuto la media del 9 (se la lode si considera come un punto) o dell'8,83 (se la lode si considera mezzo punto). Comunque a pieni voti. Aggiungo che il Fatto Quotidiano così scriveva del sottoscritto nel 2020, quando mi presentai alle elezioni con il Pd: "Non è la prima discesa in campo di Veronesi in politica: già nel 2016 era stato eletto in consiglio comunale a Milano con il Pd di Beppe Sala ma aveva rinunciato per la carriera. Adesso, dopo la direzione alla Filarmonica di Vienna e del Festival pucciniano, ha deciso di impegnarsi in prima persona." Per questo giornale prima, quando militavo a sinistra, ero il direttore della Filarmonica di Vienna, oggi, che appoggio Giorgia Meloni, sono uno che è stato bocciato agli esami di Conservatorio. Trovo vergognoso abbassarsi a propagandare falsità, senza la conferma fattuale dei documenti, pur di diffamare il sottoscritto. Trovo vergognoso che Il Fatto Quotidiano, mi diffami perché ho dichiarato che stimo Giorgia Meloni.

 

 

Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Affari in Rete

Politica

Affari in Rete


in vetrina
Ferrero, arriva anche il gelato Nutella: scoppia già la mania per l'ice cream

Ferrero, arriva anche il gelato Nutella: scoppia già la mania per l'ice cream





motori
Stellantis: lancia i software per una mobilità del futuro

Stellantis: lancia i software per una mobilità del futuro

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.