A- A+
Culture
Giovanni Gastel, quarant’anni di click. FOTO
Giovanni Gastel

di Simonetta M. Rodinò

Milioni le immagini scattate da Giovanni Gastel. Impresa difficile selezionare frammenti del suo universo. L’obiettivo della mostra “Giovanni Gastel”, da domani a Palazzo della Ragione Fotografia di Milano, è inquadrare storicamente il percorso artistico di quarant’anni del suo “fare fotografico”. Che si muove tra informazione e arte e si è sviluppato attraverso l’uso del banco ottico e delle lastre Polaroid 20 x 25, per aprirsi poi alle tecnologie digitali .

Un taglio inedito che contestualizza la sequenza delle fotografie, prodotte per riviste e settimanali, come proposta narrativa, composta da diversi capitoli.

“Un livello di lettura per fare entrare Gastel nella griglia della comunicazione, della ricerca, a livello di vita, di committenza e di editoria”, spiega il curatore Germano Celant.

L’antologica è una sorta di galoppata attraverso fashion e design, ritratto e still-life, senza trascurare di estendere sempre più il limite estetico e tecnico del fotografare, negli scatti di ricerca.

Sulle pareti bianche che formano un labirinto aperto scorrono le stampe che riproducono i lavori pubblicati sulle riviste: da “Vogue Italia” a “Harper’s Bazaar”, da MondoUomo a Donna, da Elle a Prenatal, le campagne pubblicitarie, da Missoni a Krizia da Trussardi a Versace, le mostre da “Gastel per Donna” e “Maschere e spettri”.

Dai primi anni ottanta a oggi Gastel ha collaborato con più di 50 testate italiane e internazionali e pubblicato circa 130 copertine; ha prodotto più di 500 tra campagne e cataloghi per diverse maisons di moda e grandi firme di beauty, gioiello e design; ha scattato più di 300 ritratti più che in bianco e nero a colori. Perché per l’artista, nipote del regista Luchino Visconti, la fotografia è teatro, slegata  dalla realtà. Immagini dall’aspetto new dada. Montaggi di oggetti di diversa natura.

L’uomo Gastel, ironico e amante della battuta, ammette di soffrire di attacchi di panico e in occasione di questa rassegna confida di sentirsi “leggermente spaventato”.

Comunque sia…dalle foto di matrimoni, duplicati e fototessere e dalle piccole riviste di quando era ragazzino, passò da Christie’s per documentare opere di collezionisti a Londra. Poi il salto… fu richiesto a Vogue Italia per gli still-life. La prima copertina nel 1981, 26enne. I suoi punti di riferimento: Irving Penn e Richard Avedon.

Oggi afferma: “Sto male se non fotografo. È un’esigenza quasi fisica. Negli scatti racconto me stesso. Ognuno di noi è unico nell’universo”.

Le sue foto ci accompagnano ricche di quello stile che lo contraddistingue: l’eleganza anche nell’accezione etica su cui ha costruito la sua storia.

“Giovanni Gastel”

Palazzo della Ragione Fotografia

Piazza Mercanti 1, Milano

Orari: martedì, mercoledì, venerdì e domenica 9.30 – 20.30  / giovedì e sabato 9.30 – 22.30 / lunedì chiuso

Ingressi : € 10,00 intero - € 8,00 ridotto

Infoline: 02 43353535

www.palazzodellaragionefotografia.it

Tags:
giovanni gastel fotografiagiovanni gastel mostra
in evidenza
Jo Squillo in burqa per le donne La protesta scade nel ridicolo

GF VIP 2021

Jo Squillo in burqa per le donne
La protesta scade nel ridicolo

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Dacia: nuovo restyling per un Duster che va sempre più...SUV

Dacia: nuovo restyling per un Duster che va sempre più...SUV


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.