A- A+
Culture

di Simonetta M. Rodinò

Da quanti decenni si parla della "Grande Brera"? Dal 1974, quando l'allora soprintendente Franco Russoli, di fronte alle grandi difficoltà del momento, lanciò il progetto - per accogliere le collezioni del Novecento della Pinacoteca di Brera, le sue raccolte grafiche e fotografiche, le sale per esposizioni temporanee - che avrebbe dovuto comprendere anche l'attiguo palazzo Citterio, acquistato dallo Stato due anni prima.
Una storia infinita fatta d'incertezze, opposizioni, cause legali, imprevisti tecnici, difficoltà finanziarie…oggi ancora non conclusa.
Ora sembra si riparta, grazie ad una gara per l'assegnazione dei lavori di rifunzionalizzazione e restauro del Palazzo, cui hanno risposto con i relativi progetti, tra le 29 invitate, 13 imprese tutte italiane. La commissione giudicatrice, formata da cinque esperti scelti all'interno del Mibact, acronimo di Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, lo scorso novembre annunciò il primo classificato e anticipò la realizzazione di una mostra per far conoscere al pubblico tutti progetti concorrenti. Così, da domani approda alla Triennale di Milano la rassegna "Verso la Grande Brera. Palazzo Citterio progetti in mostra", che sarà in seguito ospitata a Roma al MAXXI dal 6 al 30 marzo.
In un'ampia e lunga sala sono collocate le tavole con i singoli progetti realizzati dai tredici architetti e dalle imprese mandatarie, con la segnalazione del giudizio ottenuto, mentre, lungo le pareti, gigantografie del Palazzo testimoniano il grande e sconcertante degrado in cui è caduto il settecentesco Palazzo di via Brera al 12, confinante con l'Orto botanico. Il primo classificato è l'impresa Research Consorzio Stabile scarl (progettista arch. Prof. Amerigo Restucci, rettore dello IUAV di Venezia), ma la scelta non è priva di polemiche.
Lo stanziamento per i lavori di Palazzo Citterio è di 17 milioni di euro e saranno assegnati in via definitiva al termine della procedura di legge; dovranno essere conclusi entro ventiquattro mesi dalla consegna.
Il progetto vincente prevede un ribasso del 38%. Anche se a livello architettonico appare chiara la fluida articolazione degli spazi espositivi e delle funzioni assegnate ai vari ambienti, ci si domanda come sia possibile poter intervenire con uno scarto economico così massiccio. I materiali previsti per la realizzazione saranno di qualità? Appare quasi scontato un ricorso. E i tempi si allungheranno…
 
"Verso la Grande Brera. Palazzo Citterio. Progetti in mostra"
La Triennale - Via Alemagna, 6 Milano
21 gennaio-16 febbraio 2014
Infoline: 02 724341
Catalogo: Skira editore
www.triennale.it

 

Tags:
grande breraartemilano
in evidenza
La confessione di Francesca Neri "Sono una traditrice seriale"

Guarda la gallery

La confessione di Francesca Neri
"Sono una traditrice seriale"

i più visti
in vetrina
Nexi Debit Premium: una nuova carta di debito esclusiva su rete Visa

Nexi Debit Premium: una nuova carta di debito esclusiva su rete Visa


casa, immobiliare
motori
Nuova Opel Astra, inizia una nuova era

Nuova Opel Astra, inizia una nuova era


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.