A- A+
Economia
Amazon chiude 340 negozi: bloccate merci cinesi per 20 milioni verso gli Usa

Non tira aria di disgelo, in tema di commercio, tra Usa e Cina: lo scontro ora viaggia tutto online. Il colosso dell'e-commerce Amazon ha infatti appena bloccato in un solo colpo 20 milioni di dollari di merce cinese, chiudendo ben 340 negozi di un cliente top: Shenzhen Youkeshu Technology, collegato a Tiza, società di software di Nanjing quotata a Shenzhen, riporta il Sole 24 Ore. L'accusa è di aver sfruttato recensioni a pagamento, fatte per gonfiare illegalmente il business: una pratica vietata nell’e-commerce. 

In realtà si tratta solo "dell'ultimo atto" di una lunga serie di schermaglie tra le 200mila aziende presenti su ciò che resta in Cina del gigante americano che, due anni fa, conscio dell’impossibilità di competere con Alibaba ha chiuso il quartier generale lasciando la divisione Amazon Prime Crossborder, precisa il Sole 24 ore. In ogni caso, si dicono delusi del trattamento riservato loro, soprattutto dopo che una delegazione di imprenditori americani del Midwest un mese ha incontrato la municipalità di Shenzhen per discutere proprio per le prospettive dell’e-commerce crossborder, specifica il Sole 24 Ore. 

Inoltre, da ricordare, che tra poco più di un mese, la megalopoli ormai snodo cruciale della logistica cinese, ospiterà la prima fiera di settore per le aziende che vogliono vendere i loro prodotti sui mercati esteri con l’e-commerce. In generale, grazie anche alla pandemia, il mercato online sta godendo un ottimo momento, con fatturati raddoppiati. Ed è proprio verso gli Usa che ora si stanno ormai dirigendo i prodotti a marchio cinese. 

Commenti
    Tags:
    amazon cina usaamazon cina merciamazon merciamazon negozi
    S
    i più visti
    in evidenza
    Margherita Molinari infiamma la spiaggia di Milano Marittima con le sue curve sexy

    Costume

    Margherita Molinari infiamma la spiaggia di Milano Marittima con le sue curve sexy


    casa, immobiliare
    motori
    Opel: l'audacia del design tedesco nella sua forma più pura

    Opel: l'audacia del design tedesco nella sua forma più pura

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.