A- A+
Economia
Ast, mire straniere sull'acciaio di Terni.Marcegaglia in pole col golden power
Advertisement

Il gruppo Marcegaglia è in pole position per mettere le mani sull'Acciai Speciali Terni (Ast), controllata che i tedeschi della Thyssenkrupp hanno messo in vendita. In pole position, anche perché come spiegato dal ministro dello Sviluppo economico Giancarlo Giorgetti sullo stabilimento siderurgico umbro che dà lavoro a 2.350 operai incombe il jolly del golden power che il governo italiano può giocare. I motivi? Tutelare la produzione dell'acciaio strategica per la manifattura nazionale ed evitare il ripetersi di altri episodi-giochini come l'incursione all'ex Lucchini di Piombino degli algerini della Cevital, il cui unico obiettivo era quello di mettere fuori gioco un concorrente e costringere i clienti italiani a rifornirsi a un prezzo maggiore presso i propri stabilimenti all'estero. 

11306169 large
 

E anche per l'Ast lo scenario del golden power è alquanto probabile perché da Terni, dove è in corso in queste ore la data room pre-vendita dell'asset, sta rimbalzando l'indiscrezione che la procedura messa in piedi dai tedeschi sia piuttosto affollata.

Secondo alcune fonti è un rumors fatto circolare ad arte direttamente dai tedeschi per sostenere il prezzo dell'Ast che in caso di asta quasi deserta, anche per lo spauracchio golden power che incombe, la Thyssen non riuscirebbe a tenere alto. Per altre fonti invece, è la diretta conseguenza di una fase come questa: è tipico infatti della data room, in corso nelle ultime settimane, nel settore siderurgico, avere i concorrenti, ancora non soggetti ad obblighi prima del bando di vendita, che corrono a guardare i conti per capire la situazione dei diretti competitor.

11306164 large
 

Così, oltre al gruppo italiano di Mantova il cui interesse è stato ribadito ancora due giorni fa dal presidente Antonio Marcegaglia, pare che in data room per l'Ast stiano facendo capolino alcuni dei soggetti stranieri che negli ultimi mesi hanno mostrato interesse per lo stabilimento ternano. Ovvero gli spagnoli di Acerinox, il colosso con base in lussembrugo Aperam Steel, i sudcoreani di Posco, i cinesi di Baosteel, gli americani di United States Steel e i finlandesi di Outokumpu.

A quanto risulta, la fase dello scambio di documenti durerà ancora un mese, poi da metà maggio inizierà la fase dell'invio delle offerte non vincolanti. Thyssenkrupp poi passerà all'esame delle offerte, invitando  i concorrenti a mettere sul tavolo quelle vincolanti. Una procedura che deve concludersi entro l'anno, con  il passaggio alla nuova società.

LP 10006712
 

L'intento dello Stato, che sta monitorando con attenzione la vendita (c'è anche un tavolo di crisi ad hoc al Mise), è quello di assicurare un piano industriale che metta in moto investimenti con risorse importanti, in grado di valorizzare ulteriormente impianti e produzioni a Terni, impianto funestato negli anni dalla cassa integrazione.

Qualora la nuova proprietà non dovesse assicurare all'Ast questo tipo di futuro,  è pronto il golden power che, spiegano ad Affaritaliani.it dal dicastero di Giorgetti, all'atto pratico potrebbe tradursi in un coinvestimento in minoranza (come la formula Corneliani-Invitalia) con un partner industriale italiano. E a Mantova, dove fa gola la fabbrica ternana che fornisce il 30% dell'acciaio che Marcegaglia poi lavora a freddo, così dormono sonni tranquilli. 

@andreadeugeni

 

Commenti
    Tags:
    ast ternidata room ast ternithyssenkruppmarcegagliagolden power
    Loading...
    Loading...
    i più visti
    in evidenza
    Mia Ceran ci guida alla scoperta del fenomeno Podcast

    Il suo "The Essential" in esclusiva su Spotify

    Mia Ceran ci guida alla scoperta del fenomeno Podcast


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Presentata l'Alfa Romeo Giulia per l'Arma dei Carabinieri

    Presentata l'Alfa Romeo Giulia per l'Arma dei Carabinieri

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.