A- A+
Economia
Banche venete, Salvini: licenziare la metà dei dirigenti di Bankitalia
Lapresse


"Salvate per modo di dire. Ci sono 150mila risparmiatori che hanno perso miliardi di euro, complessivamente". Matteo Salvini commenta con Affaritaliani.it il decreto varato dal Consiglio dei ministri sulle banche venete. "Salvate? Il governo è intervenuto tardi e male. E' tutto da vedere e c'è sempre di mezzo una direttiva europea profondamente sbagliata che colpisce le banche italiane ma, guarda caso, non le banche tedesche".

Però c'è chi accusa il Venete, che tanto piace alla Lega, di combinare questi disastri... "Chi dice questo è un demente. Io vorrei vedere in galera quelli che hanno truffato e derubato. Che a differenza però di Monte Paschi e Banca Etruria non son stati indicati dalla politica. La differenza fondamentale tra Monte Paschi e banche venete è che Mps è tutta politica, mentre le banche venete dovrebbero vedere in galera amministratori disonesti".

Se Salvini fosse stato presidente del Consiglio che cosa avrebbe fatto per le banche venete? "Innazitutto non avremmo mai sottoscritto la direttiva europea che condanna le nostre banche. Secondo: avrei licenziato la metà dei dirigenti di Bankitalia, che doveva vigilare e non ha vigilato niente. Terzo: ci avrei messo dei soldi veri dello Stato e non dei soldi finti". Nazionalizzare? "No, ma un intervento pubblico sì. Un disastro del genere equivale a danni di guerra per i veneti. E il governo se ne è fregato", conclude il segretario della Lega.

Tags:
banche venete salvini





in evidenza
Federico Chiesa e il fuoriprogramma con i fan prima di sposarsi

Autografi e selfie

Federico Chiesa e il fuoriprogramma con i fan prima di sposarsi


motori
Mercedes GLA ed EQA: motore termico vs. elettrico e la strategia di transizione di Mercedes-Benz

Mercedes GLA ed EQA: motore termico vs. elettrico e la strategia di transizione di Mercedes-Benz

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.