A- A+
Economia
Bollette, fine del mercato tutelato: ecco che cosa cambia per 4 mln di clienti

Bollette, fine del mercato tutelato. Ecco che cosa sapere 

Termina oggi il mercato elettrico tutelato per circa 4 milioni di clienti mentre gli altri, (circa 5 milioni) non passati al mercato libero, sono da considerarsi "fragili" (persone con handicap o più semplicemente over 75 anni) e dunque possono restare in regime tutelato. 

Un mercato liberalizzato dovrebbe offrire tariffe migliori. Invece nel caso dell'elettrico questo paradigma non vale. E chi è rimasto in maggior tutela sarà premiato, per tre anni, dalle cosiddette tariffe a tutele graduali, al momento le migliori sul mercato elettrico.  L'utente passerà d'ufficio al gestore che ha vinto la gara per la sua zona di appartenenza ma le tariffe saranno le stesse in tutta Italia con un risparmio di circa 113 euro all'anno rispetto al tutelato. 

LEGGI ANCHE: Bollette luce, stop al mercato tutelato. Il segreto per risparmiare 113 euro

Arera, ossia l'autorità per l'energia ha pubblicato sul suo sito un riepilogo sull'attuale stato del mercato e ha annunciato le condizioni economiche del servizio di maggior tutela  che continuerà a registrare aggiornamenti trimestrali (sempre comunicati dall’Autorità), evidenziando un aumento del +12% delle bollette nel corso del terzo trimestre, rispetto al trimestre precedente che si è chiuso il 30 giugno 2024. "La buona notizia è che scende la quota di commercializzazione fissa annua, per il mercato tutelato, da 58,40 a 41 euro. Una riduzione che peraltro potrebbe rimanere anche nei prossimi trimestri - ha spiegato Marco Vignola, vicepresidente dell'Unione Nazionale Consumatori- Mentre lo sconto fisso annuo per chi è passato da oggi 1 luglio al Servizio a Tutele Graduali (STG) scende da 131,40 euro a 113 euro rispetto alla maggior tutela. Infatti non è il servizio a tutele graduali a  salire di prezzo ma è la tutela a diventare più conveniente. Il divario tra questa tariffa e il mercato libero, insomma, resta identico e molto vantaggioso specie se si considera che attualmente il mercato libero non ha offerte più vantaggiose né della tutela né tanto meno rispetto alle tutele graduali". 

Secondo lo studio dell'Unione Nazionale Consumatori, per il nuovo cliente tipo che consuma 2.000 Kw all'anno e ha una potenza impegnata pari a 3 kw, il +12% del prezzo del Kw significa spendere 52 euro in più all'anno. Nel confronto con i tempi pre-crisi, ovvero luglio 2020, il prezzo è ancora superiore del 35,9% ma,  rispetto al picco del luglio 2022, è inferiore del 43,1%. 

 

 






in evidenza
"Io cornificata 2 volte, da Kunz e Santanchè. Sallusti con il suo amore mi ha salvato"

Patrizia Groppelli a cuore aperto su Daniela e tradimenti

"Io cornificata 2 volte, da Kunz e Santanchè. Sallusti con il suo amore mi ha salvato"


motori
Fiat 500e Giorgio Armani: l’icona del Made in Italy

Fiat 500e Giorgio Armani: l’icona del Made in Italy

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.