A- A+
Economia
Bollette, Tabarelli (Nomisma Energia): "Rincari come negli ultimi trimestri"

"Siamo in guerra, serve lo scostamento di bilancio. Vanificati effetti dei decreti anti caro-bollette"

Lo scoppio della guerra in Ucraina e i contraccolpi sui mercati energetici rischiano di vanificare gli effetti dei decreti del governo Draghi contro il caro-bolletta in Italia? Di quanto saranno i rincari di gas e luce? E del prezzo del barile di petrolio? E ancora: come possono agire Palazzo Chigi, imprese e famiglie nel breve per fronteggiare gli aumenti dei prezzi? Affaritaliani.it lo ha chiesto a Davide Tabarelli, professore di economia all'Università di Bologna e presidente della società di ricerca Nomisma Energia, uno dei maggiori esperti dei temi energetici nel nostro Paese.
 

tabarelli

L'economista Davide Tabarelli


 

L'INTERVISTA

Lo scoppio della guerra in Ucraina e i contraccolpi sui mercati energetici rischiano di vanificare gli effetti dei decreti del governo Draghi contro il caro-bolletta in Italia?
"Sì, perché l’Italia andrà incontro ad altri aumenti del prezzo dell’energia, prezzi che dovevano stabilizzarsi mentre così registreremo rincari".

L’Italia sarà costretta a ricorrere allo scostamento di bilancio per reperire le risorse per sterilizzare gli aumenti in bolletta?
“E’ possibile. Siamo di fronte a una guerra. Sarà indispensabile e inevitabile. Il paradosso è che veniamo da un anno di continui aumenti. Per il momento ci sarà un rincaro nell’ordine di grandezza (oltre il 20% mensile su gas ed elettricità, ndr) di quello a cui abbiamo assistito negli scorsi trimestri”.

A quanto stima circa il costo del barile di petrolio e del gas?
“Petrolio e gas dovrebbero stabilizzarsi a questi livelli: 105 dollari per barile il greggio e 110/120 dollari per il metano. Non è una situazione drammatica, perché i mercati avevano già scontato l’escalation prima. Erano da mesi che avevano paura di un evento, che io chiamavo irrazionale - perché non posso crederci tuttora - ma gli operatori finanziari hanno avuto ragione. Mi devo inchinare alla forza e alla capacità predittiva della finanza e dei mercati”.

Come potrebbe intervenire il governo nel breve periodo per togliere nell’immediato l’economia reale, imprese e famiglie, del nostro Paese dal giogo dei rincari energetici?
“E’ necessario cercare di ridurre in primis i consumi di gas. Per fortuna, stiamo andando incontro alla primavera e fino ad ora il clima non è stato rigido. Quindi, anche le scorte sono rimaste elevate. Nella contingenza poi, dobbiamo ricorrere al carbone, una scelta sporca ma necessaria per poter contare su maggiore flessibilità nel sistema elettrico nazionale molto legato all'import di gas”.

@andreadeugeni

LEGGI ANCHE:

Guerra Ucraina, il gas schizza del 41% a 125 euro
Guerra Ucraina, balzo dei prezzi di grano e mais. Effetto su pane e pasta
Borse europee ko, a picco i future Usa. Boom dell'oro, petrolio oltre 100 dollari

 

 

Commenti
    Tags:
    caro bollettecrisi ucrainagaspetroliorussiatabarelli nomisma energia




    
    in evidenza
    Affari in rete

    Guarda la gallery

    Affari in rete


    motori
    Opel celebra 125 anni dalla nascita della produzione industriale dell’ auto

    Opel celebra 125 anni dalla nascita della produzione industriale dell’ auto

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.