A- A+
Economia
Borse Ue, bruciati 331 mld. Mosca -40%. Petrolio sopra 100 $, il gas fa +57,2%

 Guerra Ucraina: Europa a picco, Milano brucia 25 miliardi 

La guerra in Ucraina manda ko i listini del Vecchio continente: dopo l'inizio dell'attacco russo all'Ucraina l'indice Stoxx 600, che riunisce i titoli a maggiore capitalizzazione in Europa, ha ceduto il 3,27% finale, che equivale a 331 miliardi bruciati nella seduta. Mentre da Kiev arrivano notizie sempre più allarmanti, e i governi occidentali annunciano "severe sanzioni" contro la Russia, i mercati vivono una seduta da incubo, che riporta gli indici europei ai livelli della primavera 2021.

Il tracollo delle Borse, che si risvegliano all'alba con il conflitto già in atto, ha come effetto immediato l'esplosione dei prezzi energetici, con il gas che balza del 40%, il petrolio che sfonda il tetto dei 100 dollari al barile (non accadeva dal 2014) e i cereali ai massimi da dieci anni. Ora sarà il tipo di sanzioni internazionali verso la Russia, spiegano dalle sale operative, a fare da bussola per i mercati nei prossimi giorni.  I future scadenza marzo scambiati ad Amsterdam salgono del 57,2% a 139,75 euro per megawattora, mentre la scadenza aprile sale del 56% a 138,67 euro. Più contenuto l'aumento dei future scambiati negli Stati Uniti, in rialzo del 5,12%.

Nell'attesa, tra i primi effetti c'è il crollo storico della Borsa di Mosca, dove l'indice Rts (in dollari) sprofonda del 40%, mentre le principali piazze finanziarie del Vecchio Continente chiudono con pesanti rossi tra il 3 e il 4% (migliorando leggermente sul finale). Tra le peggiori c'è Milano con il Ftse Mib che perde il 4,1% e "brucia" circa 25 miliardi di capitalizzazione in una sola seduta. Gli ultimi cali simili a Piazza Affari si erano avuti all'inizio della crisi geopolitica sull'Ucraina a fine gennaio (-4%) e nel giorno dell'allarme mondiale sulla variante Omicron a fine novembre scorso (-4,6%).

Sul Ftse Mib si salvano pochissimi titoli, con in testa il gruppo della difesa Leonardo (+4,3%) che è tra subappaltatori della maxi-commessa Eurodrone, mentre rimbalzano Saipem dopo i conti (+1,9%) e Campari (+1,8%) protagonista di uno scivolone alla vigilia sul rinvio di alcuni target. Nella parte basse del listino, invece, si registrano 'rossi' a due cifre per le banche con UniCredit (-13,5%), tra gli istituti europei piu' esposti verso Mosca, e Pirelli (-10,4%) che proprio ieri aveva parlato dei rischi per i risultati 2022 derivanti dalla presenza in Russia.

In forte perdita tutti gli altri bancari, il risparmio gestito e le compagnie assicurative. Sul fronte dei cambi, l'euro perde nettamente quota a cala a 1,1146 dollari (da 1,1344 dollari ieri in chiusura) e a 128,61 yen (130,58). Dollaro-yen a 115,41. Infine corsa senza sosta per il petrolio con il Wti di aprile in rialzo a 97,8 dollari al barile (+6,1%) e il Brent che scambia a 104,1 dollari (+7,5 per cento).


LEGGI ANCHE:

Putin dichiara guerra in piena notte: non interferite o conseguenze terribili

Guerra Ucraina, invasione iniziata: bombe su Kiev. Attacco totale di Putin

Ucraina, Zelensky introduce la legge marziale. "Putin vuole la grande guerra"

Il presidente ucraino: "potrebbe essere grande guerra in Europa"

 

 

Commenti
    Tags:
    borse crollo guerra ucrainacrisi ucrainacrisi ucraina borse mercatipetrolio vola




    
    in evidenza
    "Rose Villain? Goduria la sua voce sul nostro tappeto di chitarre"

    Finley, l'intervista di Affari

    "Rose Villain? Goduria la sua voce sul nostro tappeto di chitarre"


    motori
    Federauto e UNRAE: urgente pubblicare il DPCM ecobonus

    Federauto e UNRAE: urgente pubblicare il DPCM ecobonus

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.