A- A+
Economia
Bper punta a 530 filiali di Ubi. Accordo rivisto con Intesa per l'antitrust

L'accordo integrativo tra Bper e Intesa Sanpaolo nell'ambito dell'Ops su Ubi Banca prevede un "limitato ampliamento del ramo a 532 filiali a fronte delle 400-500 originariamente indicate". Lo comunica Bper Banca in una nota spiegando che "il ramo sarà composto da depositi e raccolta indiretta da clientela stimati rispettivamente in circa 29 miliardi e 31 miliardi di euro e da crediti netti stimati in circa 26 miliardi". Oltre il 70% delle masse afferenti al ramo "sono relative a clientela basata nelle regioni settentrionali del Paese". Questo rafforzamento della capacita' distributiva di Bper permetterà, tra le altre cose, "il pieno utilizzo delle fabbriche prodotto del gruppo". 

 L'accordo integrativo prevede che gli impieghi addizionali rispetto a quanto inizialmente ipotizzato, stimati pari a circa 4,5 miliardi, saranno costituiti esclusivamente da impieghi in bonis. Inoltre, è stata concordata una revisione del meccanismo di calcolo per la determinazione del corrispettivo per il ramo d'azienda, "che e' ora fissato in misura pari al minore importo tra: 0,55 volte il valore del Common Equity Tier 1 del Ramo e il 78% del multiplo implicito riconosciuto da Intesa Sanpaolo per il Common Equity Tier 1 di Ubi".

L'accordo integrativo per l'acquisizione di un ramo di azienda dal gruppo Intesa conferma che il corrispettivo per il ramo sara' pagato per cassa, e finanziato per mezzo dell'aumento di capitale in opzione agli azionisti di Bper avente importo massimo previsto pari a 1 miliardo di euro, gia' approvato dall'assemblea dei soci il 22 aprile scorso. L'acquisizione del ramo favorirà, in particolare, "un ulteriore miglioramento della qualita' del credito con un Npe Ratio lordo stimato pari all'8,4%, se calcolato proforma sui dati al 31 marzo 2020, tenendo conto sia del profilo dell'asset quality del Ramo sia dell'imminente finalizzazione della cessione di crediti in sofferenza attraverso un'operazione di cartolarizzazione con garanzia statale".

Si conferma altresì -prosegue la nota - la solidità patrimoniale del gruppo Bper con un CET1 ratio Fully Loaded consolidato pro-forma stimato pari al 12,5% alla fine del 2020. Infine, l'acquisizione del ramo e' subordinata, tra l'altro, al perfezionamento dell'Ops e all'ottenimento delle necessarie autorizzazioni di vigilanza e antitrust. Nell'ambito dell'operazione Bper è assistita da Rothschild & Co, BofA Securities e Citigroup in qualita' di advisor finanziari e da Chiomenti Studio legale in qualita' di advisor legale.

 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    ubi bancabanca intesabper
    i più visti
    in evidenza
    E-Distribuzione celebra Dante Il Paradiso sulle cabine elettriche

    Corporate - Il giornale delle imprese

    E-Distribuzione celebra Dante
    Il Paradiso sulle cabine elettriche


    casa, immobiliare
    motori
    Heritage di Stellantis protagonista ad “Auto e Moto d’Epoca 2021”

    Heritage di Stellantis protagonista ad “Auto e Moto d’Epoca 2021”

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.