A- A+
Economia
Caro affitti, nelle grandi città serve il 46% dello stipendio. Il caso Firenze

Caro affitti, prezzi fuori controllo nelle grandi città. La mappa degli incrementi negli ultimi 5 anni

Trovare una casa in affitto in Italia è diventato sempre più complicato, in particolare nelle grandi città, i prezzi sono schizzati a livelli da record. Uno studio sui canoni dal 2018 al 2023 svela numeri che hanno dell'incredibile. Si arriva anche a pagare fino al 46% dello stipendio per un dipendente medio. Sono cifre - rivela Il Sole 24 Ore - che danno la misura delle difficoltà lamentate da inquilini e imprese. "Non si può pensare che un affitto superi il 25-30% dello stipendio che prendono i giovani", ha dichiarato nei giorni scorsi il presidente di Confindustria, Emanuele Orsini, rilanciando la proposta di un “piano casa” anticipata al Festival dell’economia di Trento. Un piano per mettere a disposizione dei lavoratori abitazioni a costo sostenibile.

Leggi anche: Stanze, boom di offerte. Ma i prezzi sono da stra-ricchi, altro che studenti

Tra il 2018 e il 2023 il peso medio del canone sui redditi da lavoro dipendente nei capoluoghi di provincia è passato - prosegue Il Sole - dal 31,6% al 35,2 per cento. Superando il 40% in sei città, da Firenze (46,5%) a Bologna (40,2%). Il dato si riferisce ai nuovi contratti a canone libero registrati ogni anno presso le Entrate. A crescere sono anche i canoni del canale concordato, il cui peso sul reddito è salito dal 27,5 al 29% negli ultimi cinque anni, con 15 capoluoghi oltre il 30 per cento. L'incrocio dei dati Omi (Osservatorio del mercato immobiliare) con le statistiche fiscali delle Finanze mostra che dal 2018 la pressione dei canoni liberi sulle buste paga dei residenti è salita in media del 3,6 per cento. Con picchi a Vicenza (+8,5%), Bologna e Milano (entrambe al 6,3%).






in evidenza
Matteo Berrettini is back, che balzo in classifica Atp: oltre 30 posizioni

Così è rinato il tennista azzurro

Matteo Berrettini is back, che balzo in classifica Atp: oltre 30 posizioni


motori
Luca de Meo CEO Renault: "serve flessibilità per la transizione ai veicoli elettrici"

Luca de Meo CEO Renault: "serve flessibilità per la transizione ai veicoli elettrici"

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.