A- A+
Economia
Cdp-Intesa, best practice pubblico-privato. I limiti di un modello vincente

L’Italia riparte e lo fa anche ricorrendo all’accoppiata Intesa-Cdp. Un tandem che negli ultimi tempi si è rivelato vincente in numerose operazioni. Le ultime: Borsa Italiana, sfilata al London Stock Exchange e riportata nel nostro Paese grazie alla cordata con Euronext e l’accelerazione sui pagamenti digitali creando il colosso Nexi-Sia proprio alla staffetta fra il gruppo bancario guidato da Carlo Messina e la Cassa di Fabrizio Palermo. Prima ancora il bocchettone aperto in piena tempesta Covid con il finanziamento di oltre sei miliardi di Intesa a Fca, con garanzia Sace che è controllata al 100% dal braccio armato del Tesoro che gestisce 271 miliardi di risparmio postale degli italiani.

messina
 

C’è una convinzione a monte, scrive oggi L'Economia del Corriere e cioè che pubblico e privato devono necessariamente andare di pari passo se si vuole risollevare una situazione che più difficile di così non poteva essere.  L’asse è nato, spiega il quotidiano di via Solferino, circa un anno fa, quando Salini-Impregilo (ora WeBuild) si è fatta promotrice di Progetto Italia, l’ambizioso sogno di creare in Italia un campione delle Infrastrutture. Progetto del quale lo stesso tandem Cdp-Intesa era parte integrante.

Ora, il modello funziona. Ma non può funzionare sempre e soprattutto erga omnes, spiega lo stesso quotidiano. Cassa Depositi e Prestiti ha oggi tanti fronti aperti, di mezzo c’è anche Open Fiber, la rete interne ultra-veloce unica, passando per l'ex Ilva e Alitalia. E, si fa notare, un’azienda per essere ben gestita ha bisogno di una missione ben definita e di competenze manageriali e anche avendole, è noto che i conglomerati finanziari faticano a funzionare perché il management non è in grado di seguire tutte le diverse attività o peggio ancora rischia di subire le pressioni del politico di turno. Ecco perchè il raggio di azione di Cassa non è infinito. 

Da parte sua, invece, Intesa-Sanpaolo deve sottostare a regole del gioco diverse, essendo una banca commerciale e con il limite dell'assorbimento di capitale non può moltiplicare le proprie partecipazioni azionarie. Ecco perché oggi più che mai il Paese ha bisogno di simili modelli e sinergie, con altre grandi banche che promuovano la nascita di nuovi campioni nazionali. Bussare a Via Goito e a Ca' de Sass per chiedere la ricetta

 
Commenti
    Tags:
    cdpintesa-sanpaoloprogetto italia cdpnexi-sia cdpfabrizio palermo cdpgiovanni gorno tempini cdp
    Loading...
    Loading...
    i più visti
    in evidenza
    Conte e Lautaro: pace sul ring E Lukaku fa lo speaker. Video

    Inter, torna il sereno

    Conte e Lautaro: pace sul ring
    E Lukaku fa lo speaker. Video


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Renault rinnova la sua gamma di veicoli commerciali

    Renault rinnova la sua gamma di veicoli commerciali

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.