A- A+
Economia
Da Di Maio a Scannapieco: ecco quanto pesa (ancora) Draghi

Tant’è che nei giorni che hanno preceduto la nomina del nuovo esecutivo si era sparsa la voce che Dario Scannapieco sarebbe potuto diventare ministro dell’Economia o dello Sviluppo Economico. Una sorta di “risarcimento” a Mario Draghi che avrebbe permesso l’avvicendamento alla Cassa, magari con il fidatissimo – per Giorgia Meloni – Maurizio Leo. La premier, d’altronde, ha un problema: le serve accreditarsi in Europa. Le mosse di questi giorni, la rottura con la Francia sul tema migranti e con la Germania, non sembrano il viatico migliore per un G20 di Bali in cui la Meloni, al momento, ha in agenda solo l’incontro con Joe Biden.

Serve quindi che Draghi faccia da padre nobile di Giorgia Meloni in Europa. In cambio di che cosa? Possibile pensare che Sergio Mattarella non completerà il suo secondo settennato e, di conseguenza, Draghi potrebbe tornare in corsa dopo la “facciata” del gennaio 2022. Basta? Non proprio. In questo “do ut des” l’ex capo della Bce chiede un altro favore alla Meloni: che si ricordi degli amici. Se, dunque, Scannapieco dovesse essere congedato dalla Cdp, si dovrebbe trovare per lui un altro ruolo di peso in Italia o in Europa. Magari al timone di una partecipata o, in alternativa, in qualche centro di potere di Bruxelles.  
 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
di maiodraghimeloniscannapieco





in evidenza
"Tu che che cazzo vuoi? Non alzare la voce"

De Filippi furiosa in tv

"Tu che che cazzo vuoi? Non alzare la voce"


motori
Bentley svela la nuova Continental GT Ibrida da 782 CV

Bentley svela la nuova Continental GT Ibrida da 782 CV

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.