A- A+
Economia
Emergenza Neet, Multiversity scende in campo: oltre 1 mln in borse di studio
Lavoro PC

L'emergenza Neet colpisce il 24% dei giovani, nel 2022 calano del 3% le immatricolazioni all'Università 

Non s'arresta l'emergenza Neet (Not in Education, Employment or Training) in Italia: continua a crescere il numero di giovani che non studiano, non frequentano di corsi di formazione e non lavorano. Un fenomeno che colpisce, secondo i dati Istat 2021, ben il 24% dei ragazzi di età compresa tra i 15 anni e i 28 anni, e in netto aumento dal periodo post pandemico in poi. In particolare, secondo l’ultimo report Invalsi, gli studenti che hanno conseguito il diploma ma non hanno raggiunto le competenze necessarie per entrare nel mondo universitario e lavorativo sono passati dal 7,5% nel 2019 al 9,8% nel 2021. In più, dal rapporto di AlmaLaurea 2022, emerge un calo delle immatricolazioni di circa il 3% rispetto all’anno accademico 2020/21, con un decremento più evidente negli atenei del Sud Italia: in calo del 5%. 

Su tale scia, Multiversity, pioniere e leader in Italia nel mercato dell'e-learning e della formazione digitale, ha lanciato “From NEET to NEXT GEN”, un progetto che mette a disposizione oltre un milione di euro in borse di studio, con l’obiettivo di contrastare il fenomeno Neet. Le risorse stanziate da Multiversity consentiranno l’accesso gratuito ai corsi di laurea degli atenei digitali Universitas Mercatorum, Università Telematica Pegaso, Università telematica San Raffaele di Roma e all’offerta formativa della coding factory Aulab.

LEGGI ANCHE: Lavoro, boom di occupati in Italia: +297 mila lavoratori nel 2023

Multiversity, il presidente e Ceo Vaccarono: "Formazione e digitale sono le leve per la modernizzazione del Paese" 

Formazione e trasformazione digitale rappresentano le leve principali per la modernizzazione del nostro Paese che, al momento, è in grave ritardo su ambedue i fronti rispetto agli standard europei. L’aumento dei Neet, l’alto tasso di abbandono scolastico, il basso numero di laureati e la scarsa diffusione delle competenze digitali mettono in luce, da un lato, la necessità di ripensare la formazione in Italia e dall’altro il ruolo oramai imprescindibile delle Università digitali in termini di ascensore sociale, a vantaggio dell’intero sistema produttivo nazionale”, ha commentato Fabio Vaccarono, presidente e amministratore delegato di Multiversity.

“Questo ambizioso progetto, particolarmente inclusivo, nasce proprio con l’obiettivo di agevolare l’accesso allo studio e alle professioni, ponendo al servizio dei giovani diplomati strumenti e metodologie all’avanguardia al fine di indirizzare le nuove generazioni in un mondo del lavoro altamente competitivo e permeato dalla tecnologia, attraverso iter formativi ad hoc sempre più efficaci e personalizzati, e accompagnare allo stesso tempo la transizione digitale del Paese”, ha rimarcato il Ceo e presidente Vaccarono. 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
giovanilavoromultiversityneetoccupazione





in evidenza
Perrino: "Pierina personaggio ingombrante. Ecco perchè prende corpo un'altra ipotesi di indagine"

Rai, il direttore di Affaritaliani.it a Ore 14

Perrino: "Pierina personaggio ingombrante. Ecco perchè prende corpo un'altra ipotesi di indagine"


motori
Volkswagen lancia le nuove ID.7 GTX e Pro S, con un autonomia di 707 km

Volkswagen lancia le nuove ID.7 GTX e Pro S, con un autonomia di 707 km

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.