A- A+
Economia
Ferragni, un altro colpo basso da un socio. L'influencer di nuovo in tribunale
Chiara Ferragni

Chiara Ferragni, il socio Morgese accusa la gestione. In arrivo un'altra battaglia legale

Lo scontro fra i soci nella galassia societaria di Chiara Ferragni è ormai una battaglia senza esclusione di colpi. Per tentare di salvare un impero oramai in crisi, la stessa influencer e il primo socio, Alchimia (insieme con Sisterhood, la finanziaria della Ferragni che ha il 32% di Fenice) hanno iniettato 500 mila euro, un finanziamento soci che appare più come un cerotto su una ferita aperta.

Secondo quanto riportato dal Il Messaggero, dopo la turbolenta uscita di Fabio Maria Damato, ex direttore generale di Fenice (proprietaria del brand Ferragni), e Tbs Crew (responsabile del blog e dell’e-commerce) a gettare altra benzina sul fuoco è l'imprenditore di Barletta, Pasquale Morgese che è entrato in Fenice qualche anno fa. Tra lui e la Ferragni non scorrerebbe buon sangue già da tempo, e la cosa non sarebbe affatto positiva visto che Morgese detiene il 27,5% delle azioni comprate dall’ex compagno e socio della Ferragni, Riccardo Pozzoli.

La miccia è stata accesa da una lettera inviata dal legale di Morgese, dello studio Francesco Garbagnati di Milano, al consiglio di amministrazione di Fenice, guidato da Paolo Barletta, primo azionista con il 40% attraverso Alchimia. Morgese non risparmia colpi, contestando duramente una serie di mosse nella gestione della società. Tra queste, critica l'aumento di capitale di 2 milioni di euro a cui non ha partecipato, oltre a scelte più recenti. Il tutto in un "tono" che lascia presagire una battaglia legale.

Ferragni MorgeseChiara Ferragni -  Pasquale Morgese
 

LEGGI ANCHE: Ferragni vuole lasciare l'Italia. Il piano per spostare il business all'estero

La frattura tra Pasquale Morgese e Chiara Ferragni risale al 2020, quando i due si separarono nel contesto societario di Serendipity, l'azienda dell'influencer. Questo divorzio segnò la fine dei contratti con Mofra e N1, aziende di proprietà dell’imprenditore pugliese, con le quali Ferragni collaborava dal 2018 per la produzione di calzature e accessori. E ora, la missiva di Morgese irrompe come un fulmine a ciel sereno. Il mondo Ferragni è già spaccato in due, soprattutto dopo l'atteso ma controverso allontanamento di Damato, che molti ritenevano dovesse avvenire già a dicembre.

Eppure questo è solo la punta dell'iceberg. Ora il socio Alchimia, come riportato dal Messaggero, ha inviato Lorenzo Castelli, il manager incaricato di rilanciare il gruppo di Chiara Ferragni, a fare da "commissario" per scrutinare a fondo conti e amministrazione. In particolare Castelli si starebbe  concentrando sul bilancio 2023, che dovrà affrontare nodi critici come il caso Balocco, le controversie sulle uova di Pasqua e la perdita di alcune licenze. Parallelamente, starebbe anche mettendo in atto strategie di espansione volte a rilanciare il business in Oriente e nei paesi arabi. In ogni caso il vero banco di prova sarà l'approvazione del bilancio 2023, che potrebbe richiedere una drastica revisione della governance, e in quel caso l'impero Ferragni potrebbe davvero sgretolarsi come un castello di sabbia.

 
 
 
 
 
 
 





in evidenza
Von der Leyen rieletta, la lunga fila di eurodeputati in attesa di omaggiarla con abbracci e selfie

Home

Von der Leyen rieletta, la lunga fila di eurodeputati in attesa di omaggiarla con abbracci e selfie


motori
Mercedes-Maybach e Phi Beach, lusso e performance in Costa Smeralda

Mercedes-Maybach e Phi Beach, lusso e performance in Costa Smeralda

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.