A- A+
Economia
Fisco, cartelle pre-Covid. Senza "atto di intimazione" salta il pignoramento

Cartelle pre-Covid. Senza "atto di intimazione" salta il pignoramento

Il governo Draghi ha deciso di inserire una nuova norma per la riscossione delle cartelle esattoriali di epoca pre-Covid. Essendo passato ormai più di un anno - si legge sul Sole 24 Ore - l'agente di riscossione, prima di emettere gli atti di pignoramento, dovrà notificare al debitore l'intimitazione di pagamento. Senza questo cavillo burocratico il pignoramento non sarà consentito. Lo ha precisato il ministro dell'Economia durante il question time in Commissione Finanza alla Camera.

Questa - prosegue il Sole - è una delle misure contenute nel decreto legge in materia fiscale e di lavoro, approvato il 15 ottobre dal Consiglio dei ministri, che permetterà anche uno slittamento di 90 giorni che andrà a incidere anche sui termini di decorrenza degli interessi di mora. La misura è valida per chi ha già ricevuto cartelle esattoriali dal primo settembre e le riceverà entro il 31 dicembre 2021. Dai 60 giorni previsti in precedenza, ora ci saranno 150 giorni a disposizione per pagare.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    atto intimazionecartelle esattorialifiscogoverno draghiministro economia francopignoramentoscadenza cartelle esattoriali
    i più visti
    in evidenza
    "Un film che rimarrà nella storia" Ennio , intervista al produttore

    Esclusiva/ Parla Gianni Russo

    "Un film che rimarrà nella storia"
    Ennio, intervista al produttore


    casa, immobiliare
    motori
    Mercedes e Luminar insieme per accelerare sulla guida autonoma

    Mercedes e Luminar insieme per accelerare sulla guida autonoma

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.