A- A+
Economia
Generali-Mediobanca, interrogativi sul Patto. Per gli esperti non c'è concerto
Da sinistra Leonardo Del Vecchio, Francesco Caltagirone e Alberto Nagel

C’è un rumore di fondo a Piazza Affari intorno alla partita sulle Assicurazioni Generali. Un dubbio che aleggia nelle sale operative. Dietro alcune cronache finanziarie c’è lo zampino del Ceo di Piazzetta Cuccia Alberto Nagel, per colpire il patto di consultazione stilato la scorsa settimana sull’11% del capitale del Leone e svilire l’immagine dei pattisti Leonardo Del Vecchio e Francesco Gaetano Caltagirone?

banca generali
 

Sono stati sondati alcuni esperti di questa materia, pur in forma anonima, per cercare di capire se dietro le mosse di Mr Essilux e dell’ingegnere capitolino ci fosse una turbativa di mercato.

A sentire gli addetti ai lavori, la risposta è stata che non si può asserire il concerto ai fini del controllo senza prove certe, ma la cosa potrebbe cambiare se si trovassero le prove (mail, documenti): in tal caso e solo in queste circostanze allora la Consob di Paolo Savona potrebbe agire per turbativa di mercato. Ma non ci sono le prove, quindi il rumore rimane infondato. E poi si sa, Nagel è un uomo d’onore.

Commenti
    Tags:
    assicurazioni generalimediobancaalberto nagelleonardo del vecchiofrancesco del vecchiophilippe donnet
    i più visti
    in evidenza
    Messi il Re Mida del calcio 110 milioni per tre anni al PSG

    Neymar superato da Leo

    Messi il Re Mida del calcio
    110 milioni per tre anni al PSG


    casa, immobiliare
    motori
    Nuova C3 sostiene la strategia di espansione internazionale di Citroën

    Nuova C3 sostiene la strategia di espansione internazionale di Citroën

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.