A- A+
Economia
Il caso pensioni non è chiuso. Resta la mina da 18 miliardi

di Andrea Deugeni
twitter11@andreadeugeni


"Con il decreto che dà un'una-tantum da agosto, il governo Renzi ha scaricato il problema del rimborso ai pensionati sui governi futuri. Fioccheranno altri ricorsi e nel 2018 il conto sarà di 18 miliardi che il Tesoro dovrà saldare". Lo spiega ad Affaritaliani Rosario De Luca, presidente della Fondazione Studi dei Consulenti del lavoro, intervistato sulla decisione del governo per rispondere alla sentenza della Corte Costituzionale sul blocco della perequazione deciso dal decreto Monti-Fornero. Ecco perché il conto sarà di 18 miliardi.


L'INTERVISTA

Come valuta la scelta del governo Renzi di risolvere il problema del blocco della rivalutazione, con un'una-tantum da agosto a 4 milioni di pensionati e lasciando fuori quanti percepiscono un assegno maggiore a 3.200 euro?
"E' una scelta parziale. Si è scelto di dare un acconto a cui dovrà seguire un saldo. Mediamente i pensionati dovevano riceve quasi due mensilità di rimborso per gli arretrati dovuti dal 2012 in poi. Sono somme che andranno erogate".

Non c'è norma che tenga che può andare contro la senteza della Corte Costituzionale...
"Esatto, non è legittima. La questione non può essere chiusa e darà luogo ad altri ricorsi di incostituzionalità, perché la Consulta ha considerato 'mai esistita' il blocco voluto dal governo Monti".

Quindi il governo fra qualche anno sarà costretto a mettere nuovamente mano al portafoglio...
"Certo: in un contenzioso con il fisco, nessun giudice dà ragione al contribuente che dice di non poter pagare perché non ha soldi, cosa che ha fatto invece l'esecutivo. La giustificazione non può essere accettata da nessun giudice. Fioccheranno i ricorsi e il governo sarà costretto ad un altro intervento. La mina pensioni non è stata disinnescata e il problema andrà a pesare sui conti pubblici dei prossimi anni. C'è di più".

Prego...
"Ci sono anche gli 1,3 milioni di pensionati che non riceveranno i soldi dal primo di agosto. La sentenza della consulta non fa nessun accenno a differenziali di trattamento. Anche questi avranno diritto alle circa due mensilità mancanti".

Insomma, Renzi ha scaricato il problema sui governi futuri...
"Se non arriva al 2018 sì, altrimenti lo ha scaricato su se stesso".

E nel 2018 di quanto potrebbe essere il conto?
"Considerando gli arretrati che sono circa 8,68 miliardi di euro, gli 1,4 miliardi di rivalutazione per garantire l'adeguamento corrente nel 2015 che diventano poi 3 miliardi all'anno, il conto si aggira intorno ai 18 miliardi. E, visto che viviamo in uno Stato di diritto, questo è quello che spetta ai pensionati fra tre anni quando arriverà una nuova sentenza della Consulta dopo un nuovo ricorso". 

Tags:
pensionicorte costituzionalerenziricorsi
i più visti
in evidenza
Meteo, fresco? È solo un’illusione Torna l'inferno. Ecco quando

Meteo

Meteo, fresco? È solo un’illusione
Torna l'inferno. Ecco quando


casa, immobiliare
motori
Nissan JUKE Hybrid: efficienza e basse emissioni ma anche piacere di guida

Nissan JUKE Hybrid: efficienza e basse emissioni ma anche piacere di guida

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.