A- A+
Economia
Industria 5.0, incentivi e ritardi: che cos'è e come funziona il nuovo bonus
Adolfo Urso

Industria 5.0, incentivi e ritardi

A oltre tre mesi dall'approvazione in consiglio dei ministri del decreto Pnrr quater, che introduce incentivi significativi per le imprese che investono in innovazione e sostenibilità, l'Italia attende ancora i provvedimenti attuativi che permetteranno di rendere operativo il cosiddetto bonus Industria 5.0. Come scrive il Sole 24 Ore, questo ritardo nel processo di attivazione sta temporaneamente frenando le aziende desiderose di modernizzarsi attraverso l'adozione di tecnologie avanzate e pratiche eco-sostenibili.

L'incertezza degli incentivi

Nonostante la legge che istituisce il bonus sia stata convertita in legge dal Parlamento il 23 aprile, con effetto retroattivo sugli investimenti effettuati a partire dal 1° gennaio 2024, il decreto interministeriale e il regolamento tecnico necessari per l'applicazione dei crediti d'imposta restano in sospeso. Le imprese, quindi, si trovano in una fase di incertezza, in attesa che il governo fornisca le linee guida definitive per accedere agli incentivi.

LEGGI ANCHE: Migranti in regola ed energia nucleare. Confindustria, la ricetta di Orsini

La cautela dei conti pubblici

La prudenza manifestata dalla Ragioneria dello Stato nell'iter di approvazione del decreto, in particolare riguardo alle regole per l'accesso ai crediti d'imposta, riflette una vasta cautela nei confronti dell'impatto che incentivi di questa portata potrebbero avere sui conti pubblici. Questa preoccupazione è in parte alimentata dalle recenti esperienze con il superbonus, che hanno suscitato dibattiti sull'effettiva sostenibilità finanziaria di simili misure incentivanti.

Aspetti tecnici e implementazione

Tra i vari aspetti inclusi nel pacchetto attuativo del decreto, emerge anche la questione dei pannelli fotovoltaici per l'autoconsumo. Per incentivare l'adozione di soluzioni ecosostenibili, il decreto prevede un incentivo maggiorato per quei pannelli che rispettano specifici requisiti tecnici e che sono prodotti in Europa. Questo rappresenta un chiaro segnale verso una maggiore indipendenza energetica e un impegno per la riduzione delle emissioni.

Risorse finanziarie e obiettivi

Il piano Industria 5.0 si poggia su una dotazione finanziaria di 6,3 miliardi di euro provenienti dal Pnrr, il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, sottolineando il forte legame tra la strategia di rilancio economico del paese e l'innovazione industriale sostenibile. L'intento è quello di sostenere le imprese di ogni dimensione nell'acquisto di beni strumentali innovativi, con l'ulteriore condizione che questi investimenti portino a un risparmio energetico significativo.

LEGGI ANCHE: Transizione 5.0, Pietrella (FdI): Creare Hub europeo Software

In conclusione, mentre l'industria italiana attende le disposizioni attuative per poter realmente beneficiare degli incentivi previsti dal decreto Pnrr quater, la visione di un futuro industriale più pulito e tecnologicamente avanzato rimane un obiettivo condiviso. La sfida attuale risiede nel bilanciare questa ambizione con una gestione prudente delle risorse pubbliche, assicurando al tempo stesso che il percorso verso l'Industria 5.0 sia accessibile a tutte le realtà imprenditoriali del paese.






in evidenza
Affari in Rete

Politica

Affari in Rete


motori
Stellantis: lancia i software per una mobilità del futuro

Stellantis: lancia i software per una mobilità del futuro

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.