A- A+
Economia
Intesa-Ubi, matrimonio forzato. Ecco perché fa bene all'Italia

Appena conclusa l’OPS di Intesa su UBI che ha superato il 90% di adesioni, oltre tutte le soglie obiettivo, ho pensato ai matrimoni forzati nei quali una delle parti non è consenziente. In questo caso però, potrebbe trattarsi di un'operazione sacrosanta per il futuro, non solo dei due soggetti coinvolti ma per il paese intero. Penso anche che Intesa abbia avuto vita facile nel momento in cui il CDA di UBI ha cercato (forse un po’ disperatamente) di delineare un “eccesso di capitale distribuibile” di 840 milioni, quindi 330 milioni in più per gli azionisti rispetto a quanto indicato nel piano industriale al 2022 approvato lo scorso febbraio.

Nessuno mette in discussione la correttezza e la legittimità di evidenziare il potenziale dei dividendi futuri valorizzando - con le parole di Massiah (consigliere delegato di UBI) - i “tesori nascosti” della banca per convincere gli azionisti UBI a rigettare l’offerta di Intesa, però, complice anche il difficile contesto Covid, le cose sono andate diversamente. E così ha prevalso la cosiddetta realpolitik e gli azionisti UBI, grandi e piccoli, hanno conferito a mani basse ad Intesa le proprie azioni. Questa operazione ha due vincitori. Uno è Messina (AD Intesa), che ha sbaragliato il mercato puntando su un boccone, quello di UBI, a cui nessuno pensava, perché troppo grande, troppo prossimo. Invece Messina ha colpito nel segno puntando alle sinergie fra due campioni, mentre fino ad ora ci eravamo trovati di fronte ad aggregazioni dettate più dallo stato di necessità (salvando ad esempio banche fallimentari).

L’AD di Intesa ha capito invece che per giocare un ruolo primario in Italia e in Europa serve mettere insieme grandi risorse finanziarie, tecnologiche e di competenze (perché la banca di domani è un soggetto lontano anni luce da quello che abbiamo conosciuto negli anni scorsi). Il secondo vincitore è il sistema paese. Un colosso come Intesa-UBI fa bene all’Italia, perché un sistema bancario incentrato su campioni di stazza europea è un corroborante del motore di sviluppo di un paese. Se poi pensiamo al marasma scatenato dalla pandemia, da un lato c’è da fare i conti con danni immediati e pesanti, dall’altro però sarà necessario giocoforza accelerare i processi di innovazione e per farlo bisogna avere le spalle larghe e robuste. Questa operazione darà il via inevitabilmente ad altre iniziative, anche perché alcune situazioni devono essere risolte, a partire dal Monte dei Paschi da cui lo Stato azionista dovrà uscire.

Questo implicherà una riconfigurazione complessiva che potrebbe vedere coinvolto anche il Banco BPM; ci sono poi situazioni in fase di assestamento come quella di Carige e Popolare di Bari, la stessa Creval è in cerca di una identità.  

 

Loading...
Commenti
    Tags:
    intesa ubi
    Loading...
    i più visti
    in evidenza
    Conte-Inter, c’è già aria di addio 'Futuro? Si vedrà, troppe critiche'

    VIDEO

    Conte-Inter, c’è già aria di addio
    'Futuro? Si vedrà, troppe critiche'


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Seat e Bergamo hanno acceso i riflettori sulle violenze domestiche

    Seat e Bergamo hanno acceso i riflettori sulle violenze domestiche

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.