A- A+
Economia
Ita-Lufthansa, la seconda fase. Spohr: "Sfida alle low cost Ryanair-Easyjet"

Ita-Lufthansa, l'ad Spohr svela il piano per rilanciare la compagnia

Da ieri è ufficiale il matrimonio tra Ita Airways e Lufthansa, l'Ue ha dato il tanto atteso via libera e adesso per la compagnia tedesca che ha acquisito il gruppo italiano è tempo di pensare al futuro. Tira un sospiro di sollievo il governo Meloni, salvare la ex Alitalia è costato allo Stato 16 miliardi. "Ita non ha un problema di costi, - dice Spohr a Il Sole 24 Ore - ha una struttura molto leggera. Sono i ricavi che devono essere incrementati. In Italia Ita è la quarta compagnia perché ci sono tre low cost. Combinata con Lufthansa abbiamo la possibilità di competere". Da qui la sfida alle low cost. Su 197,13 milioni di passeggeri totali nel 2023, il mercato italiano è stato dominato da Ryanair con 51,59 milioni. Il peso reale di Ryanair supera i 55 milioni se si include Malta Air, che è legata al vettore irlandese.

Leggi anche: "Ita? Processo d'integrazione difficile per Lufthansa"

Al secondo posto - prosegue Il Sole - c’è easyJet, con 16,37 milioni di passeggeri. Quindi c’è Ita, con 15,17 milioni, un filo davanti a Wizz Air con 14,92 milioni. Il gruppo Lufthansa è il quinto vettore in Italia, con 10,52 milioni di passeggeri (3,45 milioni della casa madre, gli altri trasportati dalle controllate Eurowings, Air Dolomiti, Swiss, Austrian, Brussels Airlines). Pertanto Ita più Lufthansa sarebbero sui 25,5 milioni di passeggeri. Il secondo gruppo in Italia, ma ancora meno della metà di Ryanair. Dunque c’è ancora molta strada da fare. Lufthansa promette anche di sviluppare la compagnia italiana nei voli intercontinentali, un aspetto per il quale è stata invece molto criticata Air France-Klm, accusata di aver strangolato Alitalia per drenare traffico su Parigi.






in evidenza
Matteo Berrettini is back, che balzo in classifica Atp: oltre 30 posizioni

Così è rinato il tennista azzurro

Matteo Berrettini is back, che balzo in classifica Atp: oltre 30 posizioni


motori
Luca de Meo CEO Renault: "serve flessibilità per la transizione ai veicoli elettrici"

Luca de Meo CEO Renault: "serve flessibilità per la transizione ai veicoli elettrici"

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.