A- A+
Economia
Just Eat punta sull'Italia: 6.000 assunzioni, aperte ancora 1.000 posizioni
Uno dei leader del mercato della consegna di cibo a domicilio punta sempre di più sull’Italia e a oggi conta oltre 6.000 rider assunti, inquadrati come lavoratori subordinati nel CCNL del settore Logistica, Trasporto, Merci e Spedizioni. E le candidature sono ancora aperte per la ricerca di oltre 1.000 rider. L’azienda che fa parte di Just Eat Takeaway.com, fa sapere la nota, ha infatti completato, in 23 città italiane, l’implementazione del modello di assunzione per il business del delivery per i ristoranti che non hanno il servizio di delivery proprietario.
 
Un settore che, stando ai dati, è in continua evoluzione: nel 2021 l'incremento è stato del 56%, superando gli 1,4 miliardi di euro di valore del mercato. Ordinare cibo a domicilio è ormai un’abitudine consolidata per i consumatori e una leva di business essenziale per i ristoranti. I dati dell’Osservatorio Just Eat mostrano infatti un aumento del 40% dei ristoranti che hanno attivato il servizio e un incremento dell’80% degli ordini via app da parte dei clienti.
Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    just eat lavoratorijust eat assunzionijust eat lavorojust eat italia
    i più visti
    in evidenza
    Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

    Corporate - Il giornale delle imprese

    Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività


    casa, immobiliare
    motori
    Nuova KIA EV6: arriva in Italia la rivoluzione elettrica coreana

    Nuova KIA EV6: arriva in Italia la rivoluzione elettrica coreana

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.